Tesla incorona Elon Musk Technoking, ossia re del Tech. Il ‘titolo’ è stato regolarmente depositato presso la Sec, Securities and Exchange Commission.

Tesla ha incoronato Elon Musk re del Tech, tecnicamente Technoking. Un riconoscimento vero e proprio, ufficiale e regolarmente depositato presso la Securities and Exchange Commission.

Tesla nomina Elon Musk Re del Tech

Elon Musk quindi è regolarmente riconosciuto come Technoking, in italiano re del tech.

Dal punto di vista pratico cosa cambia? Al momento non è dato saperlo. Non è noto infatti se il riconoscimento sarà accompagnato da nuove cariche o da nuovi impegni in Tesla. Ad oggi lon Musk risulta essere Amministratore delegato della società.

Inevitabilmente in molti hanno etichettato l’iniziativa come una nuova bizzarria di Elon Musk, uno degli imprenditori più visionari al mondo.

Elon Musk
Elon Musk

Il direttore finanziario Zach Kirkhorn è Master of Coin

Riceve un riconoscimento di prestigio anche per il direttore finanziario Zach Kirkhorn, Master of Coin. Anche in questo caso siamo di fronte ad un riconoscimento regolarmente depositato presso la Sec, ossia la Securities and Exchange Commission.

Nel documento si legge che Musk e Kirkhorn manterranno le proprie cariche all’interno di Tesla.

I due, ricordiamolo, sono Amministratore delegato (Elon Musk) e direttore finanziario (Kirkhorn) di Tesla.

Il patrimonio di Elon Musk

Elon Musk ha un patrimonio stimato che si aggira intorno ai 180 miliardi di dollari. Numeri da capogiro. L’ultima missione del miliardario si chiama Marte. L’amministratore delegato di Elon Musk sta lavorando alla messa a punto del razzo che dovrebbe portare l’uomo su Marte. I primi tre test si sono conclusi con problemi durante la fase di atterraggio. Problemi che non hanno scoraggiato Musk, convinto di riuscire a portare a termine la sua ennesima missione visionaria. Proprio per concentrarsi sulla corsa verso il Pianeta Rosso il miliardario ha venduto diversi beni immobili.


Borse 15 marzo, Milano in positivo. Il debito pubblico sfonda quota 2.600 miliardi

Le scadenze fiscali di marzo