Vaccino Covid, Ema approva Johnson and Johnson. Via libera al farmaco monodose che potrebbe risollevare la campagna di vaccinazione.

L’Ema approva il vaccino Johnson and Johnson contro il Covid e sostanzialmente spalanca le porte alla somministrazione in Europa. Si tratta del quarto vaccino approvato in Unione europea, e il via libera arriva proprio nelle ore in cui AstraZeneca finisce al centro delle polemiche per alcune reazioni avverse registrate in Danimarca ma anche in Italia, al punto che l’AIFA ha vietato la somministrazione dei vaccini di un lotto.

Covid, Ema approva il vaccino Johnson and Johnson

Si tratta di un passaggio molto importante in quanto siamo di fronte al vaccino monodose. Questo permette di vaccinare tutte le persone con una sola dose, senza dover tenere dosi di scorta per il richiamo. La formula dovrebbe consentire di accelerare in maniera considerevole la campagna di vaccinazione.

Johnson and Johnson
Fonte foto: https://www.facebook.com/JohnsonSpaSalute

La somministrazione dai 18 anni

La somministrazione del vaccino in questione è raccomandata per le persone dai 18 anni di età. J&J dovrebbe essere efficace contro le varianti del Covid.

In attesa dello Sputnik

Il prossimo vaccino in via di approvazione è quello russo, lo Sputnik V. La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha fatto sapere che ovviamente non ci sono ostacoli di natura ideologica e che il vaccino sarà approvato se supererà la fase di analisi. La stessa von der Leyen ha però specificato come la società debba aprire i libri e soprattutto le porte degli impianti di produzione, che dovranno essere ispezionati, così come prevede il protocollo. Inoltre la società dovrà fornire chiarimenti su alcuni aspetti poco chiari che potrebbero rallentare l’iter per l’approvazione del farmaco.

TAG:
coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 11-03-2021


“Eventi avversi gravi”, l’AIFA vieta utilizzo di un lotto AstraZeneca in Italia. In Danimarca allarme per casi di trombosi

La replica del principe William a Meghan e Harry: “Non siamo una famiglia razzista”