Le mosse della Bce contro l’emergenza coronavirus: restano invariati i tassi di interesse, nuovo programma d’acquisto di titoli.

La Bce lascia i tassi fermi ma inietta altri 120 miliardi di acquisti di titoli che dovranno essere effettuati entro la fine dell’anno. La Banca Centrale Europea dispone inoltre nuove aste di liquidità destinate almeno in parte a piccole e medie imprese, che disporranno di condizioni vantaggiose.

Di seguito il video dell’intervento della Lagarde

Emergenza coronavirus, le mosse della BCE

Di fronte all’emergenza sanitaria e soprattutto economica legata al coronavirus, la Bce ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse, che quindi non sono stati ulteriormente ribassati.

La Banca Centrale europea lancia però nuove aste di liquidità per le banche. Si procede anche con una revisione dei criteri di assegnazione del denaro. Questo per fare in modo che il denaro possa arrivare con maggiore facilità alle persone maggiormente colpite dal coronavirus.

Al centro del piano della Bce ci sono, come dichiarato dalla Lagarde, le piccole e le medie imprese, che sono senza dubbio le realtà maggiormente colpite dalla diffusione del coronavirus.

Chiude il piano della Banca Centrale Europea il programma d’acquisto di titoli, che cresce di 120 miliardi.

Christine Lagarde
fonte foto https://www.facebook.com/christinelagarde/

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

La reazione dei mercati

In seguito alla conferenza della Bce, Piazza Affari ha fatto registrare un sensibile rallentamento. Il Ftse Mib ha lasciato il sei per cento circa. Male anche lo spread, tornato a salire dopo il piano presentato dalla Lagarde.


Coronavirus, via libera del Parlamento al decreto ‘salva economia’

Istat, è boom del part time nel quarto trimestre. Crescono gli occupati