Emergenza idrica, acqua razionata nel Lazio: a rischio anche Roma

Venti comuni della provincia di Roma sono interessati dalla turnazione dell’acqua. Possibile razionamento anche nella Capitale.

chiudi

Caricamento Player...

Cresce l’emergenza idrica nel Lazio. Il numero dei Comuni in provincia di Roma interessati dalla turnazione dell’acqua è salito a venti. Tra questi ci sono Rocca Priora, Rocca di Papa, Zagarolo, Montecompatri, Grottaferrata e Lariano. Il razionamento, predisposto da Acea per fronteggiare la crisi, era partito a giugno con quindici città. Anche la Capitale rischia il “blocco”. A tal proposito, tra mercoledì e giovedì si terrà una riunione per scongiurare lo spettro “acqua razionata” a Roma.

Emergenza idrica a Roma, parla Virginia Raggi

“Chiamerò la Regione e Acea per convocare un tavolo in Campidoglio per superare qualsiasi tipo di visione politica o strumentalizzazione – ha dichiarato la sindaca di Roma, Virginia Raggi -. Bisogna trovare risorse e soluzioni. Da un lato è inaccettabile che oltre un milione e mezzo di romani restino senza acqua, dall’altro dopo il cambio di governance di Acea c’è stata un’inversione di tendenza, con investimenti su reti e riduzione della captazione dal lago di Bracciano”.

Queste, invece, le dichiarazioni del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “Chiedo ad Acea, che è l’ente gestore, di formalizzare una proposta alternativa. Se è vero che veniva prelevato un millimetro al giorno – ha aggiunto – dire poi che bisogna levare l’acqua per otto ore a gran parte dei romani è una esagerazione. Io non ho mai fatto polemiche, non le farò mai specie su temi così delicati”.