Emergenza migranti, appello dell’Italia all’Ue: “Situazione grave”

Il Governo sta valutando la possibilità di negare l’approdo nei porti italiani alle navi straniere. L’emergenza migranti è ormai “insostenibile”.

chiudi

Caricamento Player...

L’Italia, con un messaggio ufficiale, lancia un appello alla Commissione Europea sul tema (spinoso) dell’immigrazione. Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, il Governo avrebbe dato mandato all’ambasciatore italiano, Maurizio Massari, rappresentante presso l’Ue, di porre formalmente al commissario per le migrazioni, Dimitris Avramopoulos, il tema degli sbarchi di migranti in Italia: “La situazione che stiamo affrontando – si legge nel messaggio – è grave, l’Europa non può voltarsi dall’altra parte. È insostenibile che tutte le navi che fanno operazioni di salvataggio approdino in Italia”.

Emergenza Migranti, l’Italia avverte l’Ue: “salvataggi e accoglienza non possono essere disgiunti”

Secondo fonti diplomatiche, il Governo sta valutando la possibilità di negare l’approdo nei porti italiani alle navi che effettuano salvataggi dei migranti davanti alla Libia, ma battono bandiera diversa da quella del nostro Paese. Solo nelle ultime quarantotto ore stanno approdando sulle nostre coste 12mila persone da ventidue navi (molte di organizzazioni non governative). La situazione, dunque, è ormai “insostenibile”. L’Italia continuerà a salvare vite in mare, ma il contributo dell’Ue non dovrà limitarsi alle operazioni di soccorso: in soldoni, salvataggi e accoglienza non possono essere disgiunti.