Nel 2022 c’è stato un aumento di allacci di impianti fotovoltaici causa anche la crisi energetica e il caro bollette.

In Italia si installano sempre più impianti fotovoltaici. Nel 2022 infatti sono raddoppiati gli allacci degli impianti alla rete di distribuzione. Un’accelerata green verso fonti di energia rinnovabile prende piede con un aumento di 2,5 volte nello scorso anno con un valore assoluto di 204 mila connessioni richieste. Complice di questa accelerata è stata la crisi energetica e il caro bollette. Questo è quanto emerge dai dati di Enel Grids, la divisione delle reti del gruppo Enel.

Nel corso del 2022 sono stati connessi 2,4 gigawatt di potenza istallata, di cui «circa 2 gigawatt derivanti da impianti solari fotovoltaici, corrispondenti all’installazione di oltre 6 milioni di pannelli solari standard», spiega la nota dell’agenzia. Il 57% di questi impianti sono stati installati nelle regioni del nord anche se c’è una maggiore presenza di sole rispetto alle regioni del sud. Ma è evidente la convenienza in ogni caso affidarsi a impianti di autoproduzione energetica e consumo green. Il 20% degli allacci è avvenuto al centro Italia, il 14% è avvenuta al Sud mentre il 9% nelle isole.

Bonus psicologo 2023:
ecco come usufruire del contributo

Pannelli fotovoltaici per la casa
Pannelli fotovoltaici per la casa

Transizione bottom up

«Con le aggiunte record del 2022, il numero totale di prosumer e producer connessi alla rete Enel in Italia ammonta ora a circa 1,2 milioni, per una capacità complessiva di oltre 34 gigawatt», scrive Enel. In Spagna, Enel Grids ha collegato 2,2 gigawatt di capacità grazie a 97mila nuove connessioni nel 2022 (oltre 3 volte in più rispetto al 2021). Alla fine del 2022, la capacità rinnovabile cumulata di piccola e media scala connessa alle reti di Enel Grids in tutto il mondo ha raggiunto 65,7 gigawatt, proveniente da un totale di circa 1,4 milioni di producer e prosumer. Questi risultati sono stati raggiunti grazie alla crescente capacità di accogliere generazione rinnovabile distribuita (hosting capacity) e all’elevato livello di digitalizzazione delle reti di distribuzione gestite da Enel.

“Le reti elettriche sono fondamentali nell’attuale scenario energetico, caratterizzato dalla crescente e sempre più decentralizzata generazione rinnovabile e dal ruolo sempre più attivo dei consumatori” ha detto il direttore di Enel Grids. La transizione energetica è spinta quindi dai cittadini, bottom up ovvero dal basso verso l’alto che puntano ad utilizzare le risorse naturali per produrre energia rinnovabile. Peer il 2023 si prevede un aumento delle installazioni rispetto allo scorso anno da record.

Riproduzione riservata © 2023 - NM

ultimo aggiornamento: 17-02-2023


Superbonus, governo: stop sconto in fattura e cessione crediti

Gas, ora il prezzo è sceso come nel 2021: cosa cambia per le bollette