Razzismo nel calcio, partita sospesa per insulti a un portiere 14enne

Razzismo nel calcio, partita sospesa per insulti a un portiere 14enne

Nuovo episodio di razzismo nel calcio. Un arbitro è stato costretto a sospendere la partita per gli insulti ad un portiere 14enne.

CAIRO MONTENOTTE (SAVONA) – “Nero di m….“, questi sono stati alcuni degli insulti che alcuni spettatori dagli spalti hanno rivolto al portiere di 14 anni durante una partita valevole per i Giovanissimi provinciali. Frasi che non sono passate inosservate al direttore di gara che ha sospeso la partita per ben due volte. Nei prossimi giorni potrebbero essere provvedimenti dalle autorità competenti.

Mio figlio – dichiara la madre riportata da La Repubblica è ferito e amareggiato. Questo episodio non merita altri commenti se non un intervento della Federazione. Non si possono accettare certi episodi“.

Pallone
fonte foto https://twitter.com/Glinformati

Razzismo nel calcio, le scuse della Cairese e il commento del sottosegretario Valente

La Cairese ha immediatamente espresso la vicinanza al giocatore con un post su Facebook e con le parole del direttore generale ai microfoni de Il Secolo XIX: “Condanniamo il gesto perché nessuno può permettersi di discriminare un’altra persona per il colore della pelle. La Cairese ha fatto dell’accoglienza una delle priorità e per questo i nostri dirigenti sono intervenuti immediatamente per allontanare i responsabili della vicenda“.

Di seguito il post su Facebook della Cairese dopo l’episodio di razzismo

L’ASD Cairese vuole ancora una volta condannare l’atteggiamento tenuto sugli spalti da questi pseudo tifosi, esprimendo…

Pubblicato da ASD Cairese 1919 su Domenica 17 marzo 2019

Sulla vicenda è intervenuto anche il deputato M5s Stefano Valente: “Gli insulti razzisti al giovane portiere – riporta La Repubblicasono una vergogna e non si può stare in silenzio. Ho chiesto al presidente Gravina di intervenire immediatamente perché una cosa simile non deve più succedere. E’ un fatto grave perché stiamo parlando di ragazzi molto giovani e noi abbiamo il compito di intervenire per sdradicare questi episodi di razzismo. Al ragazzo e alla sua famiglia va la mia totale solidarietà“.

Non è il primo episodio di razzismo nel calcio giovanile. Fatti che diventano sempre più frequenti nello sport.

fonte foto copertina https://twitter.com/Glinformati

ultimo aggiornamento: 17-03-2019

X