Erdogan incontra a Istanbul il leader di Hamas: strategie e implicazioni
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Erdogan incontra a Istanbul il leader di Hamas: strategie e implicazioni

Erdogan

I dettagli dell’incontro a Istanbul tra il presidente turco Erdogan e il leader di Hamas, Haniyeh. Le possibili conseguenze.

Istanbul è stata recentemente teatro di un importante incontro bilaterale, dove il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accolto Ismaïl Haniyeh, capo dell’ufficio politico di Hamas. Questo vertice ha catalizzato l’attenzione internazionale. Riflettendo la posizione di Erdogan come potenziale mediatore, nonostante il suo chiaro sostegno a Hamas, organizzazione considerata terroristica da molte nazioni, inclusi Israele e gli Stati Uniti.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Recep Tayyp Erdogan
Recep Tayyp Erdogan

Il colloquio con Erdogan

I colloqui si sono svolti nel palazzo di Dolmabahçe, focalizzandosi sulla situazione a Gaza e le tensioni con Israele, specie in seguito agli ultimi sviluppi che coinvolgono l’Iran. Nonostante non fossero previste dichiarazioni pubbliche immediate, le aspettative su eventuali comunicati di Erdogan erano alte, considerando l’importanza degli argomenti trattati.

Erdogan, nel preludio all’incontro, ha tentato di presentarsi come un leader capace di unire le diverse voci internazionali, criticando la risposta collettiva degli occidentali verso le azioni di ritorsione dell’Iran e chiedendo un fronte unito anche contro le politiche israeliane. Dicendo: “La Turchia è pronta a mediare“.

Arrivato a Istanbul in un momento personale e politico molto delicato, dopo l’uccisione di tre suoi figli da parte di forze israeliane, Ismaïl Haniyeh ha rappresentato una figura di spicco nell’organizzazione di Hamas. Eletto formalmente come primo ministro dell’Autorità Palestinese nel 2006. La sua leadership è stata segnata da una rottura con Mahmoud Abbas e una presa di controllo quasi totale della Striscia di Gaza.

Visione futura di Hamas

Recentemente, in un incontro a Doha con il ministro degli esteri turco Hakan Fidan, è emerso che Hamas potrebbe considerare la creazione di uno stato palestinese entro le frontiere del 1967, un passo che includerebbe il riconoscimento dello stato di Israele e una possibile rinuncia alla lotta armata. Delineando un nuovo corso per il futuro della regione.

Parallelamente, Erdogan ha mostrato un vivo interesse nel rilanciare l’accordo per il corridoio del grano con la Russia. Essenziale per alleviare le tensioni economiche causate dalla guerra in Ucraina. Con l’annunciata visita di Vladimir Putin, le discussioni non si limiteranno ai conflitti mediorientali, ma toccheranno anche cruciali tematiche euroasiatiche.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2024 16:26

Maurizio Landini lancia l’allarme sui morti: manifestazione CGIL e UIL

nl pixel