Erik Lavevaz positivo al coronavirus. Il presidente della Valle d’Aosta è in isolamento e sta bene.

AOSTA – Erik Lavevaz positivo al coronavirus. Dopo il contagio di un suo assessore, il presidente della Valle d’Aosta si è sottoposto ad un isolamento e sottoposto al tampone. Il risultato è arrivato nella giornata di venerdì 2 aprile 2021.

Il governatore, comunque aveva annullato tutti gli appuntamenti dei prossimi giorni per lievi sintomi influenzali. Le sue condizioni sono buone e ritornerà al lavoro solo dopo la negatività.

La nota della Regione Valle d’Aosta

La positività è stata confermata anche da una nota della Regione Valle d’Aosta, riportata da La Repubblica. “Le condizioni di salute del presidente Lavevaz sono buone – si legge nel comunicato – e si continuerà a lavorare a distanza affinché la macchina amministrativa possa continuare ad operare. Il presidente ha immediatamente attivato tutte le procedure previste per la verifica e la messa in sicurezza delle persone a lui più vicine, a cominciare dalla giunta, lo staff e i colleghi, le persone con cui è stato a contatto di recente e la sua famiglia“.

Coronavirus
Coronavirus

La Valle d’Aosta in zona rossa

Una situazione non facile in Valle d’Aosta. Dopo un quadro complessivo positivo, i contagi nelle ultime settimane sono saliti e l’intera regione è finita in zona rossa e ci resterà molto probabilmente per altre due settimane. L’indice rt, infatti, è di 1,52 e l’incidenza è di 250 casi per 100mila abitanti.

Un quadro che rende molto difficile una promozione nella settimana dopo Pasqua. Possibile un ritorno in arancione prima di maggio, con l’obiettivo di avere giallo nei primi giorni del prossimo mese. I dubbi, comunque, restano diversi e si deciderà solamente dopo in base ai dati delle prossime settimane. I numeri sembrano essere destinati a scendere e già nei prossimi giorni potrebbero esserci delle indicazioni positive per il futuro della zona.


Salvini: “Aprile in rosso è sequestro di persona”

Speranza: “La variante inglese è un problema. Riaperture? Solo con un quadro diverso”