Google, uno stagista compie un errore e fa perdere alla società dieci milioni di dollari in quarantacinque minuti.

Ha del clamoroso – se non del comico – la notizia che arriva dagli Stati Uniti. Stando a quanto riferito dalla stampa locale, uno stagista di Google avrebbe fatto perdere dieci milioni di dollari all’azienda convinto di star svolgendo un’esercitazione offline. E invece…

Stagista di Google sbaglia e fa perdere all’azienda dieci milioni di dollari

E invece stando a quanto riportato da Financial Times, il giovane e inesperto apprendista avrebbe messo in rete, anche se per pochi minuti, una pubblicità falsa firmata Google.

Stando a quanto riportato dal quotidiano, il protagonista della sventura stava partecipando con i suoi colleghi stagisti a una simulazione per affinare le tecniche degli inserimenti delle pubblicità sui siti internet. Tutti avrebbero compiuto l’esercitazione su un’apposita pagina (offline). Anzi, tutti tranne uno. Lo stagista in questione non si sarebbe accorto infatti di non essere sulla piattaforma per la simulazione ma in rete e avrebbe lanciato una pubblicità falsa rimasta online per 45 minuti. Il tempo di far perdere all’azienda dieci milioni di dollari.

Google
Fonte foto: https://www.facebook.com/pensagrafica/?tn-str=k%2AF

Ma c’è chi ha dubbi sul ruolo del responsabile

Alcune fonti giornalistiche ritengono che l’errore – costosissimo – sia stato commesso da un dipendente e non da uno stagista, forse dalla persona incaricata di gestire la simulazione che dal suo pc, regolarmente in rete, avrebbe premuto il tasto sbagliato sulla pagina sbagliata. I dati di fatto sono che Google ha presentato le proprie scuse attraverso una nota ufficiale e che il danno economico si aggirerebbe in effetti intorno ai dieci milioni di dollari.

 

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri evidenza google Usa

ultimo aggiornamento: 07-12-2018


Alta tensione in Francia. Dall’Eliseo: tentativo di golpe da parte dei gilet gialli

Germania, Angela Merkel lascia la guida della CDU. Le succede Kramp-Karrenbauer