Il professore ed esperto di storia militare Phillips O’ Brien ha parlato degli errori di Vladimir Putin nell’invasione in Ucraina.

La guerra in Ucraina ordinata da Vladimir Putin ha fatto discutere e continua ad essere un punto focale dei dibattiti in tutto il mondo. Eppure, non molti hanno le basi storiche e politiche per poter esprimere un giudizio critico di livello. Un esperto che può effettivamente giudicare il conflitto russo-ucraino in modo informato, però, è sicuramente Phillips O’ Brien, professore ed esperto di storia militare. In un’intervista all’Agi, O’ Brien ha commentato le scelte di Putin, analizzando gli errori commessi dal leader del Cremlino.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di ‘O Brien

L’esperto ha commentato l’idea di Putin di invadere l’Ucraina, parlando nel dettaglio degli errori commessi dal presidente russo. Il piano originale di invasione della Russia è basato sulle bugie e sull’autoinganno. Il Cremlino aveva al tempo stesso sovrastimato le capacità del suo esercito e drammaticamente sottostimato ciò di cui sono capaci gli ucraini. I russi hanno attaccato in modo stupido, con l’esercito sparso su una vastissima area e con pochi rifornimenti, come se avessero pensato di trovarsi dinnanzi forze ucraine scarse o prevalentemente incompetenti”.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

O’ Brien non si risparmia nel suo giudizio delle azioni di Putin: “Si tratta di uno dei più grandi errori di valutazione nella storia della strategia moderna, reso possibile dal fatto che la Russia è diventata una dittatura corrotta e sicofante, dove alla leadership è stato detto solo quel che voleva credere, e quello ha creduto”.

Per quanto riguarda le perdite dei russi, stimate dagli americani nelle 20mila unità, O’ Brien ha espresso il seguente punto di vista. Se le stime dell’intelligence americana sono corrette, possiamo dire che i russi hanno sofferto perdite ingenti sia dal punto di vista del materiale che dei soldati. È stato riferito ieri che le perdite russe in carri armati sono così alte che ormai l’Ucraina ha più panzer nel Paese di quanti ne abbia la Russia. Sembra anche che i russi stiano preparando la battaglia per il Donbass facendo ricorso ad un gran numero di mercenari e riportando in azione le forze già sconfitte nell’attacco a Kiev. Entrambi questi fattori indicano a questo punto gravi perdite di soldati russi

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 22-04-2022


Stop ai negozianti furbetti: le nuove mosse del Governo

Auto elettriche: rischiamo di essere dipendenti dalla Cina?