Eruzione dello Stromboli nella giornata di mercoledì 19 maggio. Una colonna di fumo si è alzata dal vulcano.

ROMA – Eruzione dello Stromboli nella giornata di mercoledì 19 maggio. Secondo quanto riportato da strettoweb.com, un forte boato ha scosso le Isole Eolie nel primo pomeriggio. Da lontano è visibile una imponente colonna di fumo e una colata lavica ha iniziato la discesa a mare. E’ stata registrata una frana nella zona desertica dell’isola e non sembrano esserci particolari problemi per la popolazione.

L’attività del vulcano è stata immediatamente attenzionata dagli esperti per verificare la situazione e capire se ci potranno essere in futuro dei pericoli per gli abitanti. La situazione al momento è sotto controllo anche se non manca la preoccupazione.

L’eruzione

L’eruzione dello Stromboli è avvenuta nel pomeriggio di mercoledì 19 maggio. Il vulcano molto probabilmente era in attività ormai da qualche giorno e il forte boato avvenuto ha scosso le Isole Eolie. Una colonna di fumo si è alzata quasi immediatamente dopo la prima uscita di colata lavica e la nube è stata vista chiaramente anche dalla Sicilia e dalla Calabria.

E’ stata registrata inoltre una piccola frana nella zona isolata dell’Isola e per questo motivo non ci sono particolari problemi per i cittadini. La situazione è attenzionata dagli esperti per valutare meglio la vicenda e verificare eventuali rischi per gli abitanti.

Isole Eolie Panorama
Isole Eolie Panorama

Il precedente e lo tsunami del 2002

Una situazione che preoccupa e non poco i cittadini. Nel 2002 è stato registrato un piccolo tsunami proprio per una eruzione dello Stromboli. Al momento non sono previsti particolari fenomeni simili, ma gli esperti sono al lavoro per capire gli effetti di questa attività.

Il vulcano potrebbe continuare ad eruttare anche nei prossimi giorni e per questo l’intera area sarà isolata per diversi giorni per evitare problemi per abitanti e turisti dopo questa prima attività.


Caso Sea Watch, niente processo per Carola Rackete: “Ha salvato vite umane”

Valanga sul Gran Zebrù, morti due scialpinisti