Juventus, Fabio Paratici indagato per il caso dell’esame di Luis Suarez. Nel registro anche Luigi Chiappero e Maria Turco.

Fabio Paratici è indagato per il caso dell’esame di italiano di Luis Suarez. Nella giornata del 4 dicembre la Procura di Perugia aveva comunicato che, alla luce dei nuovi accertamenti, al calciatore erano stati comunicati gli argomenti di esame prima della prova e che dirigenti della Juventus si erano attivati per accelerare i tempi.

Esame Suarez, indagati Paratici e i legali della Juventus

E tra i dirigenti della Juventus finiti nel mirino degli inquirenti c’è proprio Fabio Paratici. Con lui anche Luigi Chiappero e Maria Turco, legale della Juventus.

Il nome di Paratici era già emerso a mezzo stampa nei giorni caldi dell’inchiesta, prima che la Procura di Perugia fermasse i lavori per violazione del segreto di ufficio e per raffreddare il fascicolo soprattutto dal punto di vista mediatico.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Fabio Paratici
Fabio Paratici

La richiesta alla ministra Paola De Micheli

Nell’inchiesta ci è finita suo malgrado anche la ministra delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli. Stando a quanto emerso, la De Micheli, interrogata, avrebbe riferito che Paratici, amico di vecchia data della ministra, le avrebbe chiesto il contatto di Bruno Frattasi. E chi è? Si tratta del capo di Gabinetto del ministero dell’Interno.

L’interrogatorio di Paratici

Non è tutto. Paratici, interrogato dagli inquirenti nel corso delle indagini avrebbe reso false dichiarazioni ai Pm, un dato che potrebbe complicare la sua posizione.

Si attendono ora gli sviluppi di una vicenda delicatissima per la Juventus o almeno per i dirigenti coinvolti nella vicenda.

La richiesta del pm

Al termine delle indagini il pm ha chiesto il rinvio a giudizio per 4 persone: nessuna richiesta per Fabio Paratici.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

TAG:
Juventus primo piano

ultimo aggiornamento: 05-12-2020


Juventus-Torino, Pirlo: “Derby importante”

Monitoraggio settimanale ISS, gli esperti: ‘evitare un rilassamento prematuro’