Dopo le parole di Putin pronunciate in un discorso pubblico alla nazione, le corse ai biglietti arei sono iniziate velocemente.

Vladimir Putin ha pronunciato alla nazione le seguenti parole “lo scopo dell’Occidente è indebolire, dividere e distruggere la Russia. Le élite occidentali vogliono mantenere il loro dominio a livello internazionale. La decisione di avviare l’operazione militare speciale in Ucraina è stata inevitabile e le Repubbliche popolari del Donbass sono state quasi totalmente liberate dai neonazisti”.

Aereo

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La corsa ai biglietti

Dopo aver pronunciato queste parole è iniziata al corsa ai biglietti aerei. Putin ha annunciato la mobilitazione parziale in relazione alla guerra in Ucraina, e la popolazione si è apprestata a comprare voli diretti in giornata da Mosca a Istanbul, Yerevan e Baku, le capitali di Turchia, Armenia e Azerbaigian. Tutti questi voli si sono esauriti in breve tempo.

Inoltre, nel giro di poche ore anche i voli verso Kazakistan, Uzbekistan e Kirghizistan non sono più stati disponibli. Anche altre rotte sono stata intasate ad esempio quella da Mosca a Tblisi. A quel punto, i voli più economici da Mosca a Dubai costavano più di 300.000 rubli (ossia, 5mila euro) A riportare l’informazione è la testata indipendente russa Meduza sul canale Telegram.

Il traffico dei cittadini russi infine, nelle zone di frontiera, è aumentato. In Finlandia i russi che varcano le frontiere nell’area sudorientale è aumentato. Ad affermarlo è la guardia di frontiera Finlandese su Twitter, ha affermato che una cifra pari a 4.824 cittadini russi sono arrivati ieri in Finlandia attraversando il confine. Rispetto alla settimana precedente il numero di arrivi è stato superiore al normale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-09-2022


Ue, in arrivo nuovo pacchetto di sanzioni contro Russia 

Russia: 1.300 arresti dopo le proteste