Pierluigi Pardo ai nostri microfoni: “Il Milan deve puntare all’Europa League perché in campionato ormai è molto difficile”.

MILANO – Nuovo appuntamento con la diretta Facebook sulla pagina Il vero Milanista. Nel pomeriggio di ieri il nostro Matteo Rivarola ha intervistato il giornalista di Mediaset, Pierluigi Pardo: “Il Milan ha una fase difensiva discreta, quella offensiva assente. Il calcio non lo puoi dividere in reparti ma sicuramente è lì dove bisognerà intervenire“.

L’attacco del Milan ha dei numeri spaventosi. Mancano i gol.
Il povero Bacca in questo momento viene rimpianto. André Silva ha avuto poco spazio in campionato, in Europa League ha fatto bene ma in Serie A non gioca mai. Cutrone ha dato il suo contributo ma ora sembra in ribasso. Kalinic fa quello che può ma a Napoli l’ha vista pochissimo la palla. Çalhanoglu sabato non ha giocato ma non è continuo. Bisogna trovare una quadra, Montella è in difficoltà. Alcune sono logiche perché cambiare così tanti giocatori crea problemi. La situazione è quella e va cambiata al più preso perché la distanza è tanta“.

Dov’è la crisi del Milan? La corsa?
A me sembra che manchi un po’ di brillantezza non di fondo. Penso che sia un problema offensivo e anche Montella ha le sue colpe. Non ho capito perché Rodriguez l’altro giorno non ha giocato, i cambi di modulo. Secondo me Montella non è uno sprovveduto, però l’andata è partita male. I margini di crescita ci sono però la Champions è difficile“.

Quali saranno gli obiettivi del Milan?
Ad oggi l’obiettivo vero è cercare di vincere l’Europa League. È più realistico questo che chiudere nelle prime quattro perché in Serie A stanno correndo. I numeri di Napoli, Juventus, Lazio, Roma e Inter sono grandi. I rossoneri possono recuperare sulla Samp e forse anche sui biancocelesti ma fare la corsa su tutte le squadre è certamente molto complicato“.

Secondo te bisogna intervenire sul mercato di gennaio?
Paradossalmente forse bisognava comprare di meno. Non dobbiamo dimenticare che manca Conti, un’assenza pesante e forse sopravvalutata. Lì davanti sono state fatte delle scelte non chiare“.

Montella deve essere esonerato?
In questo momento non c’è un’alternativa altrettanto forte. Non escludo che se la situazione dovesse precipitare ci potrà essere un cambio in panchina“.

Pardo sulla nazionale: “Tavecchio ha alcune colpe. Mi piacerebbe vedere Ancelotti come c.t.”

Come se ne va Tavecchio?
Tavecchio da questa vicenda esce male come escono male tutti. Alcune cose della sua gestione non mi sono piaciute, altre sì. Lui avrebbe dovuto fare l’esatto contrario: dimettersi subito dopo la Svezia e rivendicare le cose buone che ha fatto. Il fallimento di questa spedizione sia di carattere tecnico. Mi piacerebbe vedere Ancelotti a capo di un progetto di natura tecnica”.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio copertina esclusiva milan Pierluigi Pardo

ultimo aggiornamento: 22-11-2017


Champions League, le probabili formazioni di Juventus-Barcellona e Atletico Madrid-Roma

Milan-Voluntary agreement, la Uefa chiede un supplemento di analisi