Esclusiva News Mondo - Denis Confalonieri: "I colori sono importantissimi e mi ispiro a 007: cerco sempre di stupire"

Esclusiva News Mondo – Denis Confalonieri: “I colori sono importantissimi e mi ispiro a 007: cerco sempre di stupire”

Le architetture e il design di Denis Confalonieri: pop coloratissimo e stilemi 007

Denis Confalonieri, architetto e designer, ha risposto in esclusiva alla redazione di News Mondo. Tech, arte, studio e creatività si mescolano nei suoi interessantissimi e futuristici progetti.

Denis, come nasce la tua passione per il design e l’architettura?

La mia passione nasce fin dai primi anni delle superiori dove rimasi colpito e affascinato da tutte quelle immagini sulle riviste che ritraevano architetture, interni e oggetti di design. Mi intrigava come un semplice spazio abitativo residenziale di tutti i giorni potesse assumere diverse connotazioni, stili, caratteri e suscitare diverse emozioni; Volevo diventare un maestro di quell’arte! Sapevo che la strada non sarebbe stata facile, ma quello era il mio obiettivo e una volta finito le superiori, mi scrissi alla Facoltà di Architettura lavorando durante la mia formazione universitaria in diversi studi di progettazione e interior design“.

Dennis Confalonieri

Quali sono i tuoi modelli come artisti contemporanei e del passato?

Sono sempre stato affascinato da architetti che riuscivano a trasmettere forti emozioni come Frank Gehry con il suo Disney Concert Hall, Mendelssohn con La Torre osservatorio di Einstein e architetti più espressionisti come Klaus Koenig con tutti gli innumerevoli studi fatti sull’abitazione privata. Ad oggi ho seguito e continuo a seguire architetti e studi di architettura importanti come quello di Zaha Hadid, dove tramite lo studio Bellotti ho avuto l’opportunità di seguire un suo progetto a Roma e lo studio di Simone Micheli dove ho collaborato a diversi progetti residenziali, ristrutturazioni di interior design e arredo. Sempre nell’ambito internazionale del design e dell’interior ammiro e stimo Karim Rashid, Fabio Novembre e Koolhaas per la loro capacità di creare design e spazi metafisici unici“.

Dennis Confalonieri

Il tuo stile è pop moderno negli accostamenti dei colori, nei materiali, ma le linee ci ricordano film di 007 James Bond anni ’70. È corretto?

In parte possiamo definirlo così, per me l’utilizzo dei colori è importantissimo! Ogni colore trasmette emozioni e la commistione di diversi colori trasmette emozioni più articolate e complesse che un architetto non può permettersi di non utilizzare. Le mie opere in parte richiamano le linee di 007 e lo stile di quegli anni dove, anche con uno stile più essenziale, gli sceneggiatori avevano creato luoghi e spazi che potessero stupire piacevolmente l’osservatore con elementi a prima vista inconsueti ma coerenti con tutta l’ambientazione creata. L’obbiettivo che cerco di raggiungere nei miei progetti è quello di stupire, creare emozioni, e connettere reciprocamente il soggetto con l’architettura e viceversa senza però andare a discapito della funzionalità e praticità della stessa“.

Qual è una città o un luogo che ti ispira per i tuoi disegni?

Non c’è una città o un luogo particolare da dove traggo le mie ispirazioni, anche se le metropoli mi hanno sempre colpito per la loro capacità di condensare molteplici realtà differenti. Le ispirazioni che trovo per i miei disegni e progetti provengono da differenti mondi, da quello del design a quello cinematografico, da quello automobilistico a quello urbano. Ogni fonte di ispirazione può essere buona e ottimale, ma il vero passo sta nel saperla coniugare correttamente all’esigenza più adatta, che ogni volta differisce in base allo spazio e al cliente”.

Dennis Confalonieri

Quali sono stati i tuoi lavori più importanti e quali sono i tuoi prossimi progetti?

“Il lavoro più importante è stata la progettazione e Ristrutturazione di un appartamento a Milano, dove il cliente richiedeva uno sventramento completo nell’immobile per ricreare un grosso e unico open-space, ma che allo stesso tempo attraverso pareti mobili, fosse divisibile in vari compartimenti. Attualmente sto seguendo la ristrutturazione di altre residenze private e la creazione di alcune linee di arredamento per rinomate aziende della Brianza”.

Dennis Confalonieri

Come immagini i condomini urbani italiani tra 20 anni?

“Il problema del condominio urbano non è tanto la cattiva progettazione come quella cui abbiamo assistito 60 anni fa, ma il problema della speculazione che viene fatta sui materiali da costruzione che, a scapito di una maggiore economicità nella costruzione comporta un costo maggiore per la sua manutenzione, facendo degradare velocemente tutto l’immobile e deprezzandolo nel giro di pochi anni dopo la sua realizzazione o ristrutturazione”.

Si ringrazia Denis Confalonieri per la cortese disponibilità.

ultimo aggiornamento: 13-03-2017

X