Esenzione Tari 2017: chi non è tenuto a pagare la tassa sui rifiuti?

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Esenzione Tari 2017: quando non si paga la tassa sui rifiuti? Scopriamo come e chi può richiedere l’esenzione dal pagamento…

La Tari è la tassa sui rifiuti che tutti cittadini italiani sono tenuti a pagare ogni anno. Il pagamento dell’imposta spetta a tutti i possessori di un immobile anche ad uso commerciale ed è variabile a seconda del Comune di residenze. Ci sono però alcuni casi per cui è possibile una riduzione o l’annullamento dell’imposta. Ecco nello specifico i casi di esenzione tari 2017.

Esenzione Tari 2017

Il pagamento della Tari varia a seconda dei Comuni e dei regolamenti adottatati da ogni singola amministrazione. Per avere informazioni su riduzioni o esenzioni circa il pagamento dell’imposta è consigliabile recarsi presso l’ente locale dove è situata l’abitazione. Generalmente la normativa prevede dei precisi casi di esenzione e riduzione dell’imposta relativa ai rifiuti. Alcuni Comuni hanno inserito uno sconto per compostaggio di circa il 10% per tutti coloro che riciclano scarti organici in appositi contenitore. Altri comuni, invece, hanno lanciato l’iniziativa della tessera a punti. Si tratta di una tessera magnetica di raccolta punti che da diritto ad uno sconto sul pagamento dell’importo. I punti vengono rilasciati sulla base di controlli di verifica del rilascio dei rifiuti.

Casi di esenzione e riduzione

In caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti da parte del Comune, la normativa riconosce al soggetto un sconto dell’80% sul valore della Tari. E’ prevista una riduzione del pagamento Tari dell’80% in caso di interruzione del servizio con annessi problemi per l’ambiente e le persone. L’utente ha diritto ad una riduzione del 40% anche nel caso in cui il punto di raccolta si trovasse in una zona lontana dalla sua abitazione. L’esenzione Tari 2017 integrale è dovuta per questi soggetti con invalidità al 70%, persona non autosufficiente di età superiore ai 65 anni. E ancora: persona priva di vista o sordomuta purché facciano parte di un nucleo familiare con Idee inferiore o pari a 5000 euro.certificato_unicasim

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 14-08-2017

Guide News Mondo

Per favore attiva Java Script[ ? ]