Esercito siriano vince ad Aleppo, feste in strada

Una lunga notte di festeggiamenti ad Aleppo, dopo vittoria dell’esercito siriano sui combattenti ribelli: la guerra durava da 4 anni.

Nelle strade di Aleppo si festeggia la vittoria dell’esercito siriano ma soprattutto la conclusione di una guerra civile estenuante, durata 4 anni. Con la conquista del quartiere di Sheikh Said, considerato l’ultima roccaforte dei combattenti ribelli, l’esercito siriano ha segnato la tappa più importante per giungere poi alla vittoria.

Una lunga battaglia

Era il 2012 quando i ribelli sono passati alle armi. La parte orientale di Aleppo, città popolata da circa 2 milioni di abitanti, era controllata dai ribelli. A distanza di tre anni, l’esercito siriano ha cominciato a combatterli strenuamente, grazie anche all’intervento dei russi. Questa estate la parte orientale della città siriana è stata chiusa, così come i canali per rifornirla.

Per i 250.000 civili che popolavano la parte controllata dai ribelli, la situazione è stata delle più drammatiche: meno della metà di essi è riuscita a scappare e a rifugiarsi nei campo profughi. Centinaia di cittadini hanno perso la vita a seguito dei raid, mentre un altro centinaio di persone sono morte nella parte occidentale, a causa dei colpi di mortaio.

La preoccupazione di Ban Ki-moon

Ban Ki-moon, il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, ha espresso la sua profonda preoccupazione per la sorte dei civili della parte orientale della città. Essi potrebbero essere vittime di atrocità da parte dell’esercito filogovernativo tornato vittorioso ad Aleppo.

A comunicare l’ansia di Ban Ki-moon è stato il suo portavoce Stephane Dijarric:

“Il segretario generale è in ansia per le notizie di atrocità contro un gran numero di civili, tra cui donne e bambini, nelle ultime ore ad Aleppo.”

Dijarric fa anche sapere che purtroppo le Nazioni Unite non hanno possibilità di verificare in autonomia la situazione dei civili ad Aleppo, per cui c’è grande ansia.

ultimo aggiornamento: 13-12-2016

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X