Giornata cruciale per le due squadre italiane impegnate in Europa League. Andiamo a scoprire le probabili formazioni dei match.

ROMA – Oltre al Milan, domani in Europa League scenderanno in campo anche Lazio ed Everton. Match sulla carta senza particolari obiettivi per i biancocelesti che hanno già ottenuto la qualificazione e la certezza del primo posto mentre gara di fondamentale importanza per gli orobici, che devono almeno pareggiare per avere la certezza matematica di passare al prossimo turno.

Everton-Atalanta (stadio Goodison Park ore 21:05)

Nessun motivo per prendere sotto gamba la partita. Noi vogliamo vincere senza aspettare il risultato del Lione“, così in conferenza stampa Gian Piero Gasperini ha presentato la sfida di domani contro l’Everton. Il tecnico degli orobici non sembra voler attuare molti cambi con Petagna e Gómez che saranno le due punte.

Everton (4-2-3-1): Pickford; Kenny, Kean, Martina; Davies, Besic; Klaassen, Rooney, Lookman; Calvert-Lewin. All. Unsworth

Atalanta (3-5-2): Berisha; Masiello, Caldara, Palomino; Hateboer, Cristante, Freuler, de Roon, Castagne; Petagna, Gómez. All. Gasperini

Diretta TV: Sky Sport 3, Sky Calcio 2, Sky Go

Lazio-Vitesse (stadio Olimpico ore 19:00)

Dobbiamo reagire come abbiamo fatto dopo la sconfitta contro il Napoli. Domani giocheranno i giocatori che hanno avuto meno spazio ma sicuramente dovranno fare bene“, parla così alla vigilia della gara Simone Inzaghi. Nella Lazio spazio ai giovani Crecco al posto di Basta e Palombi in attacco insieme a Caicedo.

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, Felipe, Patric; Crecco, Murgia, Lucas Leiva, Di Gennaro, Lukaku; Nani, Palombi. All. Inzaghi S.

Vitesse (4-3-3): Pasveer; Dabo, Miazga, Kashia, Faye; Bruns, Serero, Foor; Rashica, Matavz, Linssen. All. Fraser

Diretta: Sky Sport 1, Sky Calcio 1, Sky Go

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Atalanta calcio Europa League Lazio

ultimo aggiornamento: 23-11-2017


Milan contro Austria, la sconfitta a tavolino contro il Salisburgo

Milan, Gustavo Gomez ai saluti: Turchia o Argentina le prossime destinazioni