L’attaccante biellese Alberto Gilardino, campione del Mondo e vincitore di una Champions con il Milan, lascia il calcio a 36 anni.

Alberto Gilardino dice addio al calcio giocato. Lo rivela la Gazzetta dello Sport, secondo cui l’ex attaccante del Milan avrebbe deciso di declinare le numerose offerte arrivategli dalla Lega Pro per dedicarsi ad altro. Sull’attaccante biellese pareva esserci anche l’interesse del nuovo Monza targato Berlusconi-Galliani. Ma nemmeno un progetto così ambizioso è riuscito a smuovere il Gila dalla volontà di dire basta.

Per lui potrebbe adesso iniziare una nuova vita, sempre sul campo da gioco, magari come allenatore.

Alberto Gilardino dice addio al calcio giocato

Una carriera, quella di Gilardino, importante e piena di vette altissime, ma anche con qualche caduta di troppo e sicuramente non priva di rimpianti.

Di certo l’ex attaccante rossonero può vantare una bacheca non priva di titoli importanti. Ultimo il successo nel campionato cinese con il Guangzhou Evergrande nel 2014. Ma è con la maglia del Milan che sono arrivate per il centravanti di Biella le soddisfazioni più grande: su tutte la Champions League di Atene nel 2007, ma anche la Supercoppa europea e il Mondiale per Club dello stesso anno. Non va poi scordato che Gilardino fu uno dei protagonisti del trionfo in terra tedesca della Nazionale di Lippi nel 2006. Ma in Nazionale vi è un altro traguardo che ha lasciato il segno nella carriera di Gilardino: il prestigioso bronzo alle Olimpiadi di Atene del 2004.

Gli ultimi anni della carriera di Gilardino

In chiaroscuro gli ultimi anni di carriera dell’ex rossonero. Rientrato dalla Cina, Gilardino tornò alla Fiorentina, una delle squadre più importanti della sua carriera, nel gennaio 2015. Giocò sei mesi in viola mettendo a segno anche 4 reti in campionato. L’anno successivo fu tra i protagonisti del Palermo, ultima squadra con cui riuscì a raggiungere la doppia cifra. Molto meno fortunate le successive parentesi di Empoli e Pescara, nelle quali non riuscì a lasciare il segno.

Risolto il contratto con gli abruzzesi, il 3 ottobre del 2017 Gilardino firmò per lo Spezia, approdando per la prima volta in Serie B. Con la maglia numero 10 sulle spalle, il centravanti biellese riuscì a collezionare 6 reti in 16 presenze. Tra questi una rete da cineteca nella trasferta di Cittadella. Forse uno dei gol più belli della sua carriera. L’ultimo gioiello di un attaccante di razza che ha lasciato un segno profondo nella storia recente del nostro calcio.

Nel video una raccolta dei gol più belli di Gilardino:

TAG:
calcio news milan

ultimo aggiornamento: 20-09-2018


Juventus, Khedira ko: per il tedesco possibile stop di 3 settimane

Dudelange-Milan, le formazioni ufficiali