Formula 1, l'analisi del circuito di Sakhir: le informazioni utili

Formula 1, l’analisi del circuito di Sakhir

L’analisi del circuito di Sakhir, secondo appuntamento con la Formula 1. Mercedes a caccia della conferma, Ferrari del riscatto.

SAKHIR (BAHRAIN) – L’Australia è ormai alle spalle per i piloti di Formula 1 che nel prossimo weekend (29-31 marzo) saranno impegnati a Sakhir, in Barahin, per il secondo appuntamento con il Mondiale. Una pista completamente differente da quella di Melbourne e per questo ci potrebbero essere dei risultati diversi rispetto all’esordio.

Duello Ferrari e Mercedes – In Bahrain sembra un duello tra Mercedes e Ferrari. La Rossa in questa pista si è sempre trovata bene e proverà a riscattare un inizio di stagione sicuramente anomalo. Per quanto riguarda la coppia HamiltonBottas l’obiettivo sarà quello di confermare quanto di buono fatto vedere ad inizio stagione anche se il compito non si preannuncia semplice viste le difficoltà avute su un circuito come questo.

Circuito Sakhir
fonte foto https://twitter.com/F1

Formula 1, i segreti del circuito di Sakhir

Un circuito lungo 5.4 km da completare per 57 volte per un totale di 308.2 km. A Sakhir la Formula 1 ritorna protagonista su un tracciato che ha sicuramente moltissimi posti dove effettuare il sorpasso grazie anche all’aiuto del DRS. Sin dalla partenza è previsto spettacolo visto il lungo rettilineo che potrebbe permettere il cambio di diverse posizioni.

In queste stagioni Sebastian Vettel ha dimostrato di trovarsi molto bene su questa pista anche se finora il giro record in gara di Pedro de la Rosa (1’31″447) firmato nel 2005 non è ancora stato battuto. Il primo Gran Premio si è disputato nel 2004 con la vittoria di Michael Schumacher davanti a Mark Webber e Fernando Alonso.

Il circuito piace molto ai piloti vista la sua scorrevolezza e la possibilità di fare tanti sorpassi. La parola ora passa alla pista con le squadre che sono pronte a dare spettacolo per regalare tantissime emozioni agli spettatori presenti sugli spalti e in televisione.

fonte foto copertina https://twitter.com/F1

ultimo aggiornamento: 28-03-2019

X