La stagione della Ferrari finisce a Silverstone? Vettel a -100 da Hamilton

Ferrari, stagione finita a metà Mondiale: dopo Silverstone Vettel è a cento punti di distanza da Lewis Hamilton, leader della classifica.

Aumenta in maniera impietosa il distacco della Ferrari dalla Mercedes, al punto che molti reputano già chiusa la stagione della Rossa dopo la gara di Silverstone. Con il doppio dispiacere di un fallimento che arriva proprio in quello che doveva essere l’anno del rilancio.

F1, stagione finita per la Ferrari?

Non è chiaro se anche nella Scuderia abbiano ormai alzato bandiera bianca e stiano lavorando di fatto per la prossima stagione. Ipotesi che non è da escludere. Il Cavallino continuerà a combattere gara dopo gara ma potrebbe concedersi qualche passaggio a vuoto presentandosi con una macchina magari non competitiva al massimo ma già work in progress per il futuro.

A metà Mondiale (10 gare disputate sulle 21 in programma) la Ferrari è già realisticamente costretta a rinunciare ai sogni di gloria e a quelli di una rimonta che sarebbe leggendaria se non addirittura impossibile.

Una macchina meno performante del previsto

I problemi sono abbastanza chiari. Il più evidente è legato alla tenuta delle gomme. punto di forza del 2018. Il Cavallino ha un rapporto non proprio ottimale con le gomme e non riesce a mantenere il passo di Mercedes e Red Bull. Nonostante i tentativi messi in campo a Maranello la situazione non è migliorata, anzi.

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel

Vettel malissimo

Purtroppo il secondo problema in casa Ferrari si chiama Vettel. Quello che doveva essere il valore aggiunto è alle prese con la sua peggior stagione (forse) e la concorrenza interna di certo non lo aiuta.

Leclerc la nota positiva della stagione della Ferrari

Ma non ci sono solo notizie negative in casa Ferrari. L’aspetto positivo si chiama Charles Leclerc. Tutti sapevano che il ragazzo aveva talento, in pochi credevano che potesse mettersi in mostra già al suo primo anno in Rosso. E invece il monegasco ha sorpreso anche Vettel, prima guida solo per diritto. Decisamente meno per i meriti, che sono tutti nel’altro box. E la situazione poteva essere addirittura peggiore per il pilota tedesco se la scuderia non avesse rovinato un paio di fine settimana a Leclerc.

ultimo aggiornamento: 17-07-2019

X