F1, GP d'Australia: la Red Bull come la Mercedes degli anni d'oro?
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

F1, GP d’Australia: la Red Bull come la Mercedes degli anni d’oro?

Christian Horner

Analisi delle dinamiche interne a Red Bull nel GP d’Australia 2024, tra strategie comunicative e performance, con un occhio alla Mercedes.

Il Gran Premio d’Australia 2024 ha messo in luce le dinamiche interne alla scuderia Red Bull, segnando un inizio di stagione sotto i riflettori per il team austriaco-tailandese. Con un risultato di un primo e un sesto posto, quest’ultimo a seguito di una penalizzazione, la squadra non può considerarsi pienamente soddisfatta. Le tensioni sembrano latenti, nonostante le faide interne appaiano momentaneamente sopite. La Ferrari, con Sainz in evidenza a discapito di un Leclerc “non pervenuto“, e la retrocessione di Perez al terzo posto, successivamente declassato a sesta posizione per impeding su Hulkenberg, accendono riflettori su possibili frizioni interne.

Christian Horner
Christian Horner

Strategie e comunicazione: Il parallelo con la Mercedes

La Red Bull, abituata a dominare, si trova ad affrontare una stagione che sembra mettere in discussione la sua invulnerabilità. Le dichiarazioni di Max Verstappen e la comunicazione del team evocano un déjà vu della Mercedes nel suo periodo d’oro, adottando una strategia di umiltà apparente. Questa tattica, che potrebbe essere interpretata come essere sembra in strategia difensiva, nasconde l’ambizione di colpire al momento giusto, mantenendo un profilo basso fino all’inevitabile successo.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

La retorica di Red Bull e il fantasma della strategia Mercedes

Le parole di Max Verstappen post-qualifiche enfatizzano un mix di soddisfazione e cautela: la pole position non era scontata, ma il pilota si dice contento dei risultati in Q3, nonostante un weekend difficile. Questa dichiarazione, unita alle parole di Perez prima della penalizzazione, rivela un approccio strategico che ricorda la Mercedes dei tempi andati. Entrambi i piloti hanno espresso un cauto ottimismo, evidenziando le sfide e mantenendo un atteggiamento di prudente apertura sulle dinamiche di gara future.

Questa comunicazione strategica non fa che accrescere l’interesse intorno al team Red Bull, suggerendo una consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti. La penalizzazione di Perez e le reazioni nel motorhome aggiungono un ulteriore strato di umanità e passione, sottolineando che, nonostante la facciata calcolata, il cuore pulsante del team batte forte.

Il parallelo con la Mercedes non è solo una coincidenza ma sembra essere diventato un modus operandi per la Red Bull, che adotta una comunicazione misurata per mantenere alta l’attenzione senza svelare completamente le proprie carte. Questo approccio, tra strategia e sincerità, tra fatica e brillantezza, delinea un campionato F1 2024 già ricco di spunti e di attese, con la Red Bull pronta a giocarsi le sue chance, consapevole che ogni weekend può ribaltare le aspettative.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2024 18:23

Milan punta su Gyokeres: è il piano B di Zirkzee

nl pixel