Formula 1, le indiscrezioni sul calendario del 2021: potrebbe essere confermato lo stesso programma del 2020.

Nel mondo della F1 iniziano a circolare le prime indiscrezioni sul calendario del 2021, e non si esclude che si possa procedere con la conferma di quello anomalo del 2020. La notizia è stata riportata anche da Sky Sport, secondo cui non si esclude la conferma del calendario.

F1, le indiscrezioni sul calendario 2021

È bene innanzitutto partire da una informazione doverosa. Nonostante sia stata ripresa dai principali media e giornali del settore, quella che circola è una semplice indiscrezione. Fatta chiarezza sul punto, i rumors non escludono che nel 2021 possa essere confermato il calendario che ha progressivamente preso forma nel 2020, anno segnato in maniera indelebile dall’emergenza coronavirus, che potrebbe far sentire i propri effetti anche il prossimo anno.

Di seguito il calendario della Formula 1 2020

05/07 AUSTRIA
12/07 AUSTRIA (Stiria)
19/07 UNGHERIA
02/08 GRAN BRETAGNA
09/08 GRAN BRETAGNA
16/08 SPAGNA
30/08 BELGIO
06/09 ITALIA
13/09 ITALIA (Toscana, Mugello)
27/09 RUSSIA (Sochi)
11/10 GERMANIA (Eifel, Nurburgring)
25/10 PORTOGALLO
01/11 ITALIA (Emilia Romagna, Imola)
15/11 TURCHIA (Istanbul)
29/11 BAHRAIN
06/12 BAHRAIN (Sakhir Gp)
13/12 ABU DHABI

Considerando i doppi appuntamenti, come ad esempio in Austria, il Mondiale del 2020 conta diciassette appuntamenti, concentrati in pochi mesi dopo che la partenza è stata posticipata proprio per l’emergenza coronavirus.

Logo Formula 1 2020
fonte foto https://twitter.com/F1Media

Il coronavirus e il ritorno alla normalità

Ovviamente le riflessioni ruotano intorno agli sviluppi dell’emergenza coronavirus. Ad oggi la situazione è tutt’altro che sotto controllo. La speranza è che il prossimo anno i primi vaccini possano contrastare l’emergenza, ma al momento non è chiaro quando si possa tornare alla nuova normalità.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Formula 1 motori

ultimo aggiornamento: 28-09-2020


Sorpassare a destra: quando è vietato e quando si può fare

GP Russia, Binotto: “È stato un passo avanti”