Il 18 giugno 1946 nasce Fabio Capello. Da calciatore ha vinto quattro scudetti, poi ha scritto pagine importanti sulle panchine di Milan, Real Madrid, Roma e Juventus.

Fabio Capello è nato il 18 giugno 1946 a Pieris, in Friuli. E’ considerato uno dei migliori allenatori del calcio, dopo una carriera molto importante da calciatore.

Calciatore, gli scudetti con la Juventus

Approdato nelle giovanili della Spal, debutta in Serie A con la formazione ferrarese. Nel 1967 passa alla Roma: con i giallorossi, in tre stagioni, vince una Coppa Italia.
Poi, nel 1970 lo acquista la Juventus: nei sei anni passati in bianconero, Capello si afferma come uno dei migliori centrocampisti italiani, vincendo tre scudetti e raggiungendo una finale di Coppa dei Campioni. Storico il suo gol con il quale consente alla Nazionale di espugnare Wembley.
Nel 1976 viene scambiato con Benetti e va al Milan. Con i rossoneri vive la parabola finale della sua carriera da giocatore, vincendo ancora un titolo nazionale.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

https://www.youtube.com/watch?v=7Ej9FGp5xuo

Il Milan degli Invincibili

Appesi gli scarpini al chiodo, Capello diventa dirigente sportivo del gruppo Fininvest. Poi inizia la carriera da allenatore: Primavera rossonera e poi subentro a Liedholm al termine della stagione 1986/87. Dopo l’era Sacchi, Berlusconi lo sceglie come guida tecnica: cinque stagioni nelle quali nasce il mito del Milan degli Invincibili. Quattro scudetti e la Champions del 1994 i suoi grandi successi.

Real Madrid e Roma

Nel 1996 sbarca in Spagna al Real Madrid: i blancos vincono subito la Liga ma al termine della stagione accetta di ritornare al Milan, fallendo tutti gli obbiettivi.
Dopo un anno di pausa, Capello riparte dalla Roma. Al secondo anno, riporta lo scudetto a distanza di 18 anni dall’ultimo tricolore.

Fabio Capello allenatore bianconero

Nel 2004, contestato dal pubblico giallorosso, diventa il tecnico della Juventus. I bianconeri vincono due scudetti consecutivi poi cancellati da Calciopoli. L’ultimo alloro della straordinaria carriera di Capello è la seconda Liga alla guida sempre del Real Madrid.


Chi era Giampiero Boniperti

Copa America, poker del Brasile al Perù. Reti bianche tra Colombia e Venezuela