Chiamatelo FALLIMENTO

Quante volte abbiamo sentito questa frase con tono di scherno. Ci vuole coraggio a tifare Milan e il Milan è fortunato perché ha al suo fianco un esercito di coraggiosi tifosi pronti ad affrontare tutto e tutti, ma meritano di più. Molto di più.

Arrivati quasi al giro di boa della stagione 2017/2018 non si può non parlare di fallimento per quanto riguarda il Milan. Certo, parziale al momento, perché la speranza che il Diavolo possa risorgere non ce la toglierà nessuno, ma sempre di fallimento stiamo parlando. La fanfara di inizio anno era solo il preludio della triste marcia funebre che sta suonando l’orchestra milanista, guidata da un direttore che dalla Cina volge le spalle ai musicisti e sembra non avere il coraggio di intervenire in prima persona. Tutto è lasciato nelle mani dei furono eroi Fassone Mirabelli. Grave errore di presunzione il loro, secondo cui i milioni spesi in sede di mercato avrebbero assicurato un posto in Champions League. Almeno.

I grandi trofei sentono la passione per il Calcio, premiano la tradizione dei grandi club che non si snaturano e illudono i mercanti

Eppure la storia del Psg dovrebbe insegnare qualcosa almeno agli uomini di calcio: gli sceicchi francesi hanno speso milioni e milioni per vincere la Coppa dalle grandi orecchie, quella Coppa che invece torna sempre nelle bacheche delle squadra competitive ma soprattutto delle società solide, storiche, forti, presenti, nelle bacheche dei milionari che fanno business con il calcio non ci va. I grandi trofei sentono la passione per il Calcio, premiano la tradizione dei grandi club che non si snaturano e illudono i mercanti

Un tempo facevamo tremare l’Europa, ora siamo la barzelletta più divertente del nostro calcio

Già caro Milan, spendere e spandere non basta quasi mai. Serve anche il coraggio. Ha senso esonerare Montella a stagione in corso quando lo si voleva cambiare già ad inizio anno? Ha senso sacrificare Gennaro Gattuso sull’altare sacrificale per trovare alibi e giustificazioni? Ha senso continuare a difendere strenuamente il proprio operato quando i risultati ti condannano? Hanno sbagliato tutti, dal Presidente all’Amministratore Delegato passando per il Direttore Sportivo e la squadra. Un tempo facevamo tremare l’Europa, ora siamo la barzelletta più divertente del nostro calcio, i protagonisti delle parodie.

Ci vuole coraggio a tifare Milan

Quante volte abbiamo sentito questa frase con tono di scherno. Ci vuole coraggio a tifare Milan e il Milan è fortunato perché ha al suo fianco un esercito di coraggiosi tifosi pronti ad affrontare tutto e tutti, ma meritano di più. Molto di più.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 24-12-2017

Nicolò Olia

X