Fca paga 730 milioni al Fisco per aver sottostimato Chrysler

Fca paga 730 milioni al Fisco italiano

Accordo tra Fca e il Fisco italiano sulla valutazione di Chrysler. Il gruppo automobilistico pagherà 730 milioni.

Caso Chrysler, accordo tra Fca e il fisco italiano. Il gruppo automobilistico pagherà 730 milioni di euro chiudendo definitivamente il contenzioso con le autorità.

L’annuncio di Palmer, accordo tra Fca e il Fisco italiano per il caso Chrysler

Abbiamo chiuso un accordo con l’Agenzia delle entrate relativamente alla questione del valore di Chrysler senza dover pagare nulla o penali“, ha dichiarato Richard Palmer in occasione della presentazione dei risultati ottenuti da Fca nel corso del 2019.

Il caso Chrysler

Il caso era legato alla valutazione del valore di Chrysler. Il Fisco italiano aveva contestato a Fca di aver sottostimato di cinque miliardi il valore del marchio. Di conseguenza il gruppo automobilistico non avrebbe versato nelle casse dello Stato un miliardo circa (1,3 per l’esattezza).

FCA
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/FCA-Fiat-Chrysler-group

Palmer, “L’Agenzia delle entrate proponeva un aumento dell’imponibile relativo al passaggio di Chrysler Us a Fca Nv ai fini della fusione del 2014”

Lo stesso Palmer ha fatto il punto sulla soluzione trovata dalle parti, ossia Fca e il Fisco italiano.

“Per essere chiari, l’Agenzia delle entrate proponeva un aumento dell’imponibile relativo al passaggio di Chrysler Us a Fca Nv ai fini della fusione del 2014 […] e abbiamo risolto tale questione […]. Il gruppo concorda nell’aumentare l’imponibile di 2,5 miliardi di euro e tale imponibile sarà completamente compensato da 400 milioni di perdite fiscali, che erano state incamerate in precedenza e da 2,1 miliardi di perdite fiscali italiane che non sono state rilevate nel bilancio”.

“Questo accordo non ha alcun impatto sul conto economico e sul bilancio a parte la riduzione delle imposte differite attive non rilevate abbiamo ancora sostanziali perdite in Italia che ci restano dal punto di vista fiscale dopo questo accordo”, ha concluso il dirigente.

ultimo aggiornamento: 08-02-2020

X