Felice Mariani dal M5s alla Lega. L’ex campione di judo: “Sono molto più pratici. Vanno subito al dunque”.

ROMA – Felice Mariani lascia il M5s e passa alla Lega. Il cambio di casacca è stato annunciato dallo stesso ex campione di judo con una dichiarazione all’Adnkronos. “Lascio il Movimento e passo alla Lega – ha detto il deputato – il motivo è semplice: il mio è un disagio covato da tempo. Mi occupo di sport e avendo avuto poca considerazione ho detto basta, nel Movimento non mi hanno fatto toccare palla“.

E ha aggiunto: “Ho scelto la Lega per una serie di situazioni. Hanno dei progetti interessanti sullo sport, sono molto pratici e vanno subito al dunque. Sono molto più smart“.

Mariani: “I rimpianti non mancano”

Un passo indietro, quello di Mariani, che non è l’unico e l’ultimo. Il M5s, infatti continua a perdere pezzi e in futuro non si escludono altre decisioni simili.

E’ chiaro – ha detto il nuovo esponente leghista – che mi dispiace per i tanti colleghi che ho conosciuto, dei quali rimango amico. Rimpianti certamente ce ne sono, è una separazione. Ma nella vita se vuoi andare avanti e migliorare devi saperti scegliere gli allenatori giusti. E io ho sempre scelti i migliori“.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Il cambio di casacca nel giorno del caos

L’annuncio del cambio di casacca arrivato nel giorno del caos. La Lega, infatti, ha deciso di dare un primo strappo al Governo e decidere di astenersi sul decreto riaperture.

Si tratta di una decisione destinata a creare diverse polemiche e soprattutto tensioni all’interno della maggioranza. Nei prossimi giorni il premier Draghi proverà a ricucire lo strappo e non si esclude la possibilità di un nuovo decreto (o delibera) a metà maggio per valutare eventuali riaperture o nuove misure. E si valuta anche la possibilità di una nuova verifica di maggioranza.


Scontro sul coprifuoco, la Lega si astiene. Pd e M5s: “Irresponsabile”. Irritazione di Draghi

Decreto Riaperture, Regioni contro il governo. Fedriga, “Grave cambiare in Cdm un accordo già siglato”