Femminicidi in aumento, Commissaria europea: "Piaga sociale"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Femminicidi in aumento, Commissaria europea: “Piaga sociale”

Femminicidi in aumento, Commissaria europea: “Piaga sociale”

A livello europeo si torna a parlare di femminicidi e violenza di genere: “Sono allarmata”, dice la Commissaria europea.

Il numero crescente dei femminicidi in Europa preoccupa la commissaria europea per l’Uguaglianza, Helena Dalli, che sostiene che “la violenza contro le donne non è una questione privata, ma una piaga sociale”.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

abuso violenza donne

Femminicidi in aumento

Dopo gli ultimi casi di Rossella Nappini e Marisa Leo, continua a crescere il numero spropositato di femminicidi in Italia. Ma il problema non riguarda solo il nostro Paese, in quanto la strage di genere ha preso piede ormai in tutta Europa.

Tuttavia, non ci siano dati comparabili tra i 27 Stati membri, e questo rende più complicato avere una piena comprensione del fenomeno. Per quanto riguarda l’Italia, secondo l’ultimo aggiornamento del report del ministero dell’Interno, le donne uccise tra il 1° gennaio e il 3 settembre sono 77, di cui 61 in ambito affettivo o familiare.

Approvato il Codice Rosso in Italia

Ieri l’Aula della Camera ha approvato in via definitiva la proposta di legge sulle nuove norme legate al Codice rosso, in materia di assunzione di informazioni dalle vittime di violenza domestica e di genere. Sono stati 200 voti a favore, nessun contrario e 61 astenuti (Pd e Avs).

Previsto un inasprimento delle pene già esistenti, e l’attuazione di nuove procedure per garantire al meglio la sicurezza di chi si trova in situazioni di rischio. Il procedimento penale per reati come lo stalking o la violenza sessuale vedranno un acceleramento.

Inoltre, entro tre giorni dall’iscrizione della notizia di reato il Pm dovrà sentire la persona offesa e al tempo stesso si allungano i tempi per sporgere denuncia (da 6 a 12 mesi).

Dalli: “Necessaria una direttiva”

“Affinché tutti noi possiamo vivere in un’Unione europea giusta ed equa, le donne e le ragazze devono poter vivere libere dall’insicurezza, dalla paura e dalla violenza quotidiana”, dichiara Helena Dalli, secondo cui è necessario approvare al più presto la direttiva sulla violenza contro le donne.

“La direttiva sulla lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica sostiene la raccolta dei dati e garantisce l’applicazione di norme giuridiche penali minime in tutta l’Ue. Invito una rapida adozione da parte dei colegislatori”, precisa.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 9 Settembre 2023 10:58

Pierluigi Bersani senza filtri: dal Pd al ruolo di Elly Schlein

nl pixel