Marghera, uccide la moglie e poi si costituisce: ho fatto una cavolata

Marghera (Venezia), uccide la moglie e poi si costituisce: ho fatto una cavolata

Tragedia a Marghera, in provincia di Venezia. Un uomo di 43 anni uccide la moglie e poi si costituisce: “Ho fatto una cavolata”.

MARGHERA (VENEZIA) – Nuovo femminicidio in Italia. La tragedia è avvenuta nella notte tra il 21 e il 22 febbraio 2019 a Marghera, in provincia di Venezia. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti al termine di un litigio un 43enne ha sgozzato la moglie e subito dopo ha chiamato la polizia per confessare quanto successo. All’arrivo degli agenti il presunto omicida ha dichiarato: “Ho fatto una cavolata“.

Inutile il tentativo di rianimare la 51enne. Per lei non c’era più niente da fare. Il magistrato ha autorizzato l’autopsia per accertare le cause del decesso. L’uomo è stato portato in caserma in attesa della convalida del fermo e il trasferimento in un centro specializzato per curare i suoi problemi psichici.

Polizia
Fonte foto: https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

Marghera (Venezia), uccide la moglie e poi chiama la polizia

Una tragedia che ha sconvolto l’intera cittadina di Marghera. Secondo quanto hanno raccontato i vicini negli ultimi giorni i litigi nella coppia erano diventati frequenti. Ma nella notte tra il 21 e il 22 febbraio dopo l’ennesima discussione l’uomo ha preso il coltello e ha sgozzato la compagna.

La coppia era in cura da tempo presso il Centro di Igiene Mentale e proprio per questi problemi psichici ricevevano una pensione d’invalidità. Sulla vicenda indaga la polizia che spera nelle prossime ore di riuscire a chiudere definitivamente questo caso.

Si tratta dell’ennesimo femminicidio in Italia. Numeri che continuano a salire in questo 2019 e soprattutto che non sembrano intenzionati a fermarsi con il rischio di superare il record negativo dell’anno precedente. Da tempo il governo è al lavoro per cercare di porre fine a questa situazione con diverse donne che perdono la vita per mano dei propri mariti e compagni. Uomini che dovrebbero amare e che invece per motivi non sempre chiari uccidono.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/poliziadistato.it

ultimo aggiornamento: 22-02-2019

X