Ferrari California T: leggerezza e resistenza

Telaio e carrozzeria in alluminio, abbinate a tecniche costruttive particolarmente sofisticate di derivazione aerospaziale, contribuiscono ad offrire migliori prestazioni e maggiore sicurezza

L’architettura transaxle, con il motore anteriore-centrale e le masse contenute all’interno degli assi, consente una ideale distribuzione dei pesi (47% all’anteriore, 53% al posteriore) con leggera prevalenza al posteriore come da tradizione Ferrari. Inoltre il posizionamento del propulsore più in basso ha consentito anche un miglioramento del centro di gravità, a tutto vantaggio dell’handling.

Telaio e carrozzeria sono interamente in alluminio. La notevole leggerezza di questa soluzione e l’elevato valore di rigidità torsionale che garantisce, particolarmente importante nel caso di vettura con tetto aperto, si traduce in migliori prestazioni e maggiore sicurezza. Per ottenere questi risultati sono state utilizzate 12 leghe di alluminio sviluppate dalla Ferrari nel polo di eccellenza Scaglietti a Modena e tecniche costruttive particolarmente sofisticate di derivazione aerospaziale.

Le sospensioni a controllo magnetoreologico SCM3 rappresentano l’ultima evoluzione di tale sistema. Dispongono di una centralina di controllo più veloce nel comando di aggiornamento del campo magnetico degli ammortizzatori, oltre a un software di controllo, brevettato da Ferrari, che si avvale anche di 3 sensori montati sul corpo vettura. Gli ammortizzatori dispongono a loro volta di una guida stelo con ridotto attrito al fine di ottimizzare l’efficacia del controllo. Nel suo complesso il sistema conferisce alla vettura un migliore comportamento dinamico grazie a una maggiore velocità di risposta dei vari componenti.

Sul volante si trova un pulsante per il disaccoppiamento delle sospensioni, che consente al guidatore di impostare il livello di comfort desiderato, in qualsiasi condizione e con qualsiasi posizione del Manettino.

L’impianto frenante Brembo si avvale di dischi in carbo-ceramica CCM3 ed è integrato con una versione ulteriormente evoluta del sistema ESP 8.0 Premium, che consente spazi di arresto estremamente ridotti (da 100 a 0 km/h in soli 34 metri).

L’aggiornamento della centralina ESP 8.0 Premium ha permesso l’integrazione di nuovi sistemi elettronici, a partire dal controllo della trazione Ferrari F1-Trac, attraverso il quale viene gestito in maniera più efficace il notevole incremento della coppia motrice disponibile grazie al turbo. Una soluzione che consente di ottenere un’accelerazione ancora più rapida in uscita curva, nell’ordine dell’8,5%.

I cerchi in lega sono da 19 pollici e presentano il caratteristico disegno a stella. Sono disponibili su richiesta cerchi forgiati opzionali da 20 pollici.

La resistenza aerodinamica (Cx) è contenuta all’eccellente valore di 0,330, di assoluto rilievo per una vettura da 145 CV/l. Questo ha richiesto un lungo lavoro di affinamento dei flussi interni per minimizzare gli impatti sulla funzionalità dei sistemi di raffreddamento.

ultimo aggiornamento: 19-01-2015

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X