Ferrari in vacanza ma con i compiti per casa: Vettel da cinque in pagella, Leclerc meglio ma non bene. E a Maranello qualcosa non quadra ancora.

Aria di vacanze in casa Ferrari… anzi no. Sebastian Vette ha a disposizione due settimane che vuole sfruttare a pieno per provare a rimettere in pari la Rossa di Maranello.

I pregi e i difetti della Ferrari

I problemi della Ferrari sono noti: veloce nel dritto e decisamente rivedibile in curva, dove la Red Bull vola e dove la Mercedes resta decisamente più affidabile. La sensazione è confermata dai numeri del GP di Ungheria.

Dopo la pausa dovrebbero arrivare le piste forti per la Ferrari, quelle sulle quali si dovrebbero far valere i cavalli e si dovrebbero sfruttare i punti forti (purtroppo non tantissimi) della vettura.

Sebastian Vettel
12.03.2015 – Sebastian Vettel (GER) Scuderia Ferrari SF15-T Australian Grand Prix, Melbourne

Vettel da cinque in pagella, Ferrari al palo

La pausa servirà senza dubbio per mettere a punto le monoposto ma anche per provare a recuperare psicologicamente due piloti fortemente provati da un inizio di stagione decisamente al di sotto delle aspettative. Decisamente realista Sebastian Vettel, che ha archiviato con un cinque in pagella la prima parte di mondiale. E la paternità del voto è del ferrarista.

Leclerc meglio ma non bene

Meno peggio ma non bene Leclerc, che ha la scusante di essere al suo primo anno in Ferrari. Il monegasco si è esibito in sorpassi di tutto rispetto, ha messo in mostra il suo talento ma di errori ne ha commessi, mandando all’aria Gran Premi in cui avrebbe potuto portare la Ferrari anche sul gradino più alto del podio.

Ferrari al lavoro durante la pausa

Insomma, si prospetta una pausa di duro lavoro in casa Ferrari. Ad iniziare da Maranello per finire ai piloti. Ognuno ha alle spalle errori a cui rimediare, e la speranza è che al ritorno in pista tutti gli ingranaggi possano funzionare al meglio.


Il pedone sulle strisce ha sempre ragione

La MotoGP arriva in Austria: orari e streaming