La Fiat 500 C Ischia, è stato il primo modello di Spiaggetta realizzato da Castagna, che continua a produrlo su commissione. Il più recente esemplare è stato fotografato prima della consegna.

La Fiat 500 C Ischia di Castagna rispecchia la volontà delle celebre carrozzeria di realizzare una versione moderna delle iconiche Spiaggetta. È una rilettura fedele di tali vetture applicata alle attuali 500. Quattro posti ed un tendalino che ripara dai cocenti raggi del sole per vivere il mare in libertà.

Il taglio porta è l’elemento distintivo delle versioni “marine” dell’Atelier: minima altezza da terra per facilitare l’ingresso in vettura, ma massimo livello di protezione in caso di urti laterali. Questo taglio si trasforma in “linea di galleggiamento” che sostituisce la “linea di cintura”, dividendo la vettura non tra un sopra ed un sotto ma tra un dentro ed un fuori: gli esterni, rappresentati dalla carrozzeria, in due toni in rosso corallo a base perlata; gli interni bicolore, di cuoio impermeabile, con completamenti e tarsie in vimini, il tutto impreziosito dalla bordura in mogano extra-lucido.

Numerosi gli elementi cromati che sottolineano ed esaltano la natura “nautica” della Fiat 500 C Ischia. Il gradevole suono “Amarcord” del bicilindrico Twin Air è amplificato dai doppi terminali di scarico.

I sedili anteriori integrano le cinture di sicurezza evitando un antiestetico quanto necessario montante centrale di ancoraggio. L’assenza di tale elemento assicura, grazie alle otto movimentazione elettriche, la massima facilità di accesso alle sedute posteriori e un elevato grado di confort per persone alte sino a due metri.

Per il tendalino scomponibile, che con quattro semplici scatti può essere montato e smontato in pochi minuti, è previsto un kit specifico di vetrature laterali per proteggersi da pioggia e freddo.

Leggi anche Castagna Fiat Abarth 500 Tender2

Per Info scrivi a info@castagnamilano.com

Guarda il servizio fotografico realizzato per Castagna da Luca Romano


Fiat Abarth 500 Tender2: Spiaggetta Vip

Aston Martin Vulcan: il mostro ruggisce!