Incendio su un traghetto a Dapitan, Filippine. Il bilancio è di tre morti, tra cui una bambina di appena un anno. Indagini in corso per fare luce sulla vicenda.

È di tre vittime il bilancio dell’incendio divampato su un traghetto nelle Filippine. Purtroppo, stando a quanto confermato dai media locali, tra le persone che hanno perso la vita c’è anche una bambina di appena un anno.

Filippine, incendio su un traghetto al largo di Dapitan

L’incidente è avvenuto al largo di Dapitan, nella zona meridionale delle Filippine. Un traghetto con a bordo oltre duecento persone persone ha preso fuoco per motivi ancora da chiarire. L’incendio si è originato e sviluppato sull’imbarcazione scatenando ovviamente il panico tra i passeggeri.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza Indonesia
fonte foto https://twitter.com/AMBULANCIAEMERG

La dinamica dell’incidente

L’incendio s è originato nella sala macchine, probabilmente a causa di un guasto. Le fiamme hanno rapidamente avvolto e distrutto gran parte dell’imbarcazione.

Le operazioni di soccorso

Il traghetto in fiamme è stato immediatamente raggiunto dalle navi della Guardia Costiera e dai pescherecci di volontari che si sono recati sul posto per soccorrere le persone a bordo del mezzo. Sono 245 le persone tratte in salvo dai soccorritori, che intanto proseguono le operazioni di ricerca per rintracciare eventuali dispersi.

Il giallo sul registro di bordo del traghetto

Purtroppo i registri della società che gestisce il traghetto non aiuta le autorità, anzi complica notevolmente il lavoro degli inquirenti. Seondo il registro di bordo il traghetto trasportava 136 persone, cui si aggiungono i 36 uomini dell’equipaggio. I soccorritori però hanno tratto in salvo quasi 250 persone. I numeri ovviamente non coincidono e per questo motivo la polizia sentirà il comandante dell’imbarcazione e il proprietario.


Egitto, aereo con a bordo 122 italiani costretto a atterraggio d’emergenza al Cairo

Trump, endorsement (con errore) a favore di Conte: “Spero resti Primo Ministro”