La piccola Gaia Trimarchi è morta nelle Filippine dopo essere venuta a contatto con una medusa.

Tragedia nelle Filippine. Una medusa ha ucciso una bambina italiana, Gaia Trimarchi, in vacanza con la famiglia nel Sud-Est asiatico. Secondo quanto riportato da Repubblica, la piccola romana è morta durante il bagno, dopo essere venuta a contatto con l’animale. La tragedia sarebbe avvenuta lo scorso 26 luglio.

Come raccontato dalla madre di Gaia, la piccola si era tuffata in acqua nei pressi dell’isola Saibatang Laya, quando d’un tratto ha lanciato un urlo di dolore. Dopo averla riportata a riva, la donna e i parenti con cui era in vacanza hanno visto la gamba della bambina diventare viola, probabilmente per una reazione allergica provocata dal contatto con una cubomedusa.

Bambina italiana morta nelle Filippine per una medusa

Secondo quanto riferito dalla donna, sulla barca che stava facendo fare un tour delle isole alla famiglia mancava il kit di primo soccorso. Per poter ricevere le dovute medicazioni la piccola Gaia ha quindi dovuto attendere l’arrivo in ospedale, che ha richiesto 40 minuti. Troppi per poter sperare di salvarla: arrivata in ospedale si è dovuto constatare il suo decesso a causa della grave reazione allergica.

La cubomedusa, animale letale

Nota anche come ‘vespa di mare‘, la cubomedusa è uno degli animali più velenosi al mondo. Un contatto con i suoi tentacoli può causare morte per shock, paralisi respiratoria e muscolare e anche arresto cardiaco.

Molta la rabbia della madre di Gaia, che ha denunciato: “Non c’erano segnali di avvertimento. Le nostre guide non ce ne hanno parlato“.

Nel video alcune immagini di cubomeduse:

https://www.youtube.com/watch?v=cDTN5UL0avM

Fonte foto copertina: www.pixabay.com


Rho, violenza su una diciassettenne: arrestato il colpevole

Papa Francesco riscrive il Catechismo: “Pena di morte non ammissibile”