La conferenza stampa di Zidane alla vigilia della finale di Kiev contro il Liverpool.

Vigilia intensa per Zidane e il suo Real. Domani a Kiev la squadra madrilena potrebbe diventare la prima a vincere tre Champions League di fila. Un traguardo che sarebbe stato inimmaginabile solo poche stagioni fa. Queste le parole del tecnico francese in conferenza stampa, riportate dalla Gazzetta dello Sport : “Il segreto del nostro successo è il lavoro e il talento, in buone dosi“.

Non è facile essere qui, sappiamo quanto sia complicato e siamo felici di poter giocare un’altra finale“, ha aggiunto Zidane, “il calcio è la mia passione, lo è sempre stato. Mi piace competere e lavorare, e se lo fai un club come il Real Madrid ovviamente puoi arrivare a fare ciò che stiamo facendo in questi anni. Però io vivo il tutto con normalità“.

Finale Champions, la conferenza stampa di Zidane

Zidane ha quindi parlato della pressione data dallo storico traguardo ormai alla portata: “Non soffro, al contrario, sono contento di poter vivere un’altra finale, perché è un momento unico. Ciò che vivremo tra oggi e domani non lo vivremo mai più. Ci saranno altre cose, ma saranno differenti. E allora dobbiamo approfittarne, godercela. E se poi c’è un po’ di pressione meglio, è più bello“.

Per Zidane, ad ogni modo, il Real non è favorito: “La finale è al 50%, so che fuori c’è chi ci vede favoriti, ma vi assicuro che nello spogliatoio non è così. Nel nostro spogliatoio non siamo favoriti per niente. Ai miei giocatori chiedo di dare tutto. Poi se c’è un rivale più forte non puoi farci nulla. Io penso di essere giudicato positivamente perché do tutto, poi non è che posso gestire tutto ciò che pensa la gente, e comunque non fa niente“.

Nel video le immagini principali della semifinale col Bayern:

https://www.youtube.com/watch?v=QvRy2wc29RQ

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio champions league Finale Real Madrid Zinedine Zidane

ultimo aggiornamento: 25-05-2018


Finale Champions, la conferenza stampa di Klopp: “Abbiamo il 50% di possibilità di vincere”

Milan, Malagò: “Il danno d’immagine è più per il club che per il calcio italiano”