L’ex carabiniere Marco Camuffo è stato condannato a quattro anni e 8 mesi per aver violentato una studentessa americana dal Tribunale di Firenze.

FIRENZE – Il caso delle due studentesse americane abusate da una coppia di carabinieri a Firenze aveva suscitato molto scalpore. L’ex appuntato Marco Camuffo è stato condannato a quattro anni e otto mesi per l’accusa di violenza sessuale aggravata. L’accusa chiedeva 5 anni e 8 mesi ma i giudici hanno deciso di accogliere parzialmente la richiesta del pubblico ministero.

Il suo collega Pietro Costa è stato rinviato a giudizio con le stesse accuse. Per lui il processo inizierà nel maggio del 2019, ad un anno dalla destituzione dall’Arma dei Carabinieri.

LE OBBLIGAZIONI DI MEZZI Totò Riina Mafia Capitale
LE OBBLIGAZIONI DI MEZZI

Firenze, condannato il carabiniere che ha violentato una studentessa americana

La vicenda risale alla notte tra il 6 e il 7 settembre 2017. La coppia dei militari era intervenuta in una discoteca per sedare una rissa. Proprio lì hanno incontrato le due studentesse americane e si erano offerti di accompagnarle a casa con l’auto di servizio. Al portone, però, non le hanno salutate ma sono saliti a casa e proprio nell’appartamento hanno abusato le giovani.

Le americane hanno immediatamente denunciato il fatto con le indagini che hanno portato all’identificazione dei carabinieri, destituiti dall’arma nel maggio del 2018. Presente in aula, Marco Camuffo ha deciso di rilasciare una dichiarazione spontanea: “La decisione di accompagnare le due ragazze a casa con l’auto di servizio non è stata mia ma del mio collega. La studentessa non aveva rifiutato i miei approcci“. Una confessione non confermata dalla giovane americana che in passato ha detto di non essersi ribellata perché spaventata, visto che l’uomo aveva la pistola.

Di seguito il video con alcune dichiarazioni sulla vicenda

fonte foto copertina https://twitter.com/MediasetTgcom24


Cristiano Ronaldo nella bufera, il Der Spiegel attacca e il Real smentisce

Nuova aggressione al Cara di Borgo Mezzanone: un arresto