Fisco: 88 miliardi di gap, tra evasione ed errori

88,1 miliardi che dovevano essere versati al fisco sono andati “persi” tra evasione delle tasse ed errori nella dichiarazione dei redditi.

chiudi

Caricamento Player...

L’evasione del fisco continua a essere uno degli annosi problemi dell’Italia, e se a questo si aggiungono gli errori nella dichiarazione dei redditi, il quadro diventa drammatico a dir poco. L’ammanco calcolato nella media del periodo 2010-2014, è di 88,1 miliardi.

Il drammatico rapporto

La relazione sull’evasione fiscale e sull’economia sommersa, compilata dalla Commissione istituita dal ministro dell’Economia, ha messo in evidenza il grave ammanco di denaro:

“Nella media del periodo 2010-2014 il gap complessivo ammonta a 88,1 miliardi di euro, di questi 12,4 sono ascrivibili alla componente dovuta ad omessi versamenti ed errori nel compilare la dichiarazioni. Pertanto, il gap derivante dal completo occultamento delle base imponibile e/o dell’imposta ammonta a 75,7 miliardi di euro”.

IVA e Irpef, le più evase

Dal rapporto risulta che è proprio l’IVA la tassa più evasa. 39 miliardi di gap tra ciò che doveva essere versato negli anni 2012-2013 e quello che effettivamente è entrato nelle casse dello Stato; ancora di più, oltre 40 miliardi, nell’anno seguente.

Anche l’Irpef ha il suo peso nell’enorme tax gap: la stima complessiva dell’ammanco ammonta a circa 31 miliardi di euro.

Dichiarazioni compilate in modo sbagliato

Una buona fetta di questo ammanco miliardario è dovuta agli errori eseguiti dagli utenti nella compilazione delle dichiarazioni dei redditi. Le tasse vengono dichiarate ma non effettivamente versate: ed ecco che tra Irpef, Ires, Iva e Irap si sono calcolati ben 12,4 miliardi di ammanco nel bilancio.

Intanto Renzi, a proposito dell’evasione fiscale, ha dichiarato a Radio 105 che con il suo Governo si sono recuperati diversi crediti:

“Dell’abolizione di Equitalia parlo dal 2010: d’ora in poi si pagano le cartelle, tutte, non gli interessi e i super interessi. Si crea un meccanismo di fiducia. A quelli che dicono che così si incrementa l’evasione farei notare che nel 2015 abbiamo fatto 14,9 miliardi di euro di recupero dall’evasione. Nessuno ha fatto quanto noi, è un record”.

Foto tratta da Pixabay