L’attore e regista, direttore del teatro Eliseo, è indagato per un maxi finanziamento da 8 milioni per la stagione 2017-18.

Luca Barbareschi è indagato per l’aver beneficiato di fondi illeciti come direttore del teatro Eliseo di Roma. L’attore e regista è finito nel mirino del pm Giuseppe Cascini per un traffico di influenze. Come riportato da Il Tempo, un “faccendiere”, in cambio dell’assunzione della figlia in teatro, avrebbe spinto per far passare in Parlamento lo scorso anno un emendamento finalizzato allo stanziamento di extra Fus (Fondo unico per lo spettacolo erogato dallo Stato) a favore proprio dell’Eliseo. Si parla di una somma consistente: 8 milioni di euro per la stagione 2017-18.

Fondi al teatro Eliseo, indagato Luca Barbareschi

La questione era apparsa poco chiara alle associazioni di categoria ben prima della conclusione delle indagini. L’Agis e la Federvivo avevano reclamato: “Si è deciso di riconoscere un contributo straordinario ad personam di 8 milioni di euro a una società privata che gestisce un immobile di proprietà privata. Stiamo parlando della Casanova Teatro srl di Luca Barbareschi e del Teatro Eliseo“.

Tale contributo extra era stato bocciato dall’allora ministro della Cultura Dario Franceschini. Presentato e poi ritirato dal Milleproroghe, fu inserito in commissione Bilancio dai deputati Alberto Giorgetti di Forza Italia e Sergio Boccadutri del Pd. Approvato in commissione nel maggio del 2017, finì nella manovra correttiva di bilancio.

Molte altre sale romane (tra cui il Sistina, il Cometa, il Parioli, l’Ambra Jovinelli, il Quirino e il Vittoria) presentarono ricorso al Tar del Lazio lo scorso novembre chiedendo l’annullamento del provvedimento, senza però riuscire a ottenere il benestare dei giudici.

Nel video la presentazione della nuova stagione dell’Eliseo:

Fonte foto copertina: https://www.facebook.com/barbareschiluca/photos/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca Luca Barbareschi roma Teatro Eliseo

ultimo aggiornamento: 22-09-2018


Piemonte, affitto negato a una ragazza perché disabile

Migranti, Galantino difende le Sprar: “Sono istituzioni straordinarie”