Donald Trump sarebbe pronto a dimezzare la richiesta di fondi per il muro con il Messico. Da 5 miliardi la cifra è passata a 2,5.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Nessuna intenzione di arretrare sui migranti per Donald Trump. Il presidente americano – riferiscono i media locali – ha confermato la sua idea di costruire il muro al confine con il Messico anche se con i fondi dimezzati. Inizialmente – dichiara la CNN citando fonti della Casa Bianca – l’idea era quella di accettare non meno di 5 miliardi ma ora sembrerebbe tornato sui propri passi e la richiesta è di 2,5.

Una mossa per mettere fine allo shutdown e consentire alla legge di bilancio di essere approvata il prima possibile per permettere all’economia americana di ripartire.

Donald Trump
Donald Trump (fonte foto: https://www.facebook.com/uspresidentdonaldtrumpnews/)

Dal Russiagate allo shutdown: un 2018 non semplice per Donald Trump

Come successo anche negli anni scorsi, il 2018 non è stato semplice per Donald Trump. Diversi i problemi che ha dovuto affrontare l’inquilino della Casa Bianca, iniziando dal Russiagate e finendo allo shutdown. In mezzo tante altre questioni come lo scandalo sessuale o i migranti dal Messico ma anche la decisione di ritirare le truppe dall’Afghanistan e dalla Siria.

Tante le ipotesi di un possibile passo indietro dopo anche le elezioni del Midterm che hanno evidenziato un piccolo calo. Ma Trump alla fine ha sempre deciso di non arretrare e proseguire per la propria strada. E il muro con il Messico è l’ultima idea per mettere fine ad una guerra con i migranti che dura ormai da diversi mesi.

La politica del presidente americano non è mai piaciuta all’Unione Europea. Un rapporto anche questo sempre conflittuale e che non sembra poter trovare pace nei prossimi mesi. Fino al 2020 si continuerà su questa strada poi molto probabilmente Donald Trump farà un passo indietro per ritornare alla vita di tutti i giorni.


Voto anticipato in Israele. Il premier Netanyahu: il Governo sarà riconfermato

Natale di sangue a Kabul, assalto di sette ore in un palazzo governativo