Un fondo da 140 milioni per sostenere le attività rimaste chiuse durante la pandemia è stato attivato dal Mise. Ecco tutti i dettagli.

ROMA – Un fondo da 140 milioni di euro per sostenere le attività rimaste chiuse durante la pandemia è stato attivato dal Mise. Si tratta di soldi, come riportato da La Stampa, destinate a discoteche, palestre e piscine. Contributi a fondo perduto che per le sale da ballo saranno fino ad un massimo 25mila euro e per questo settore il Governo ha destinato una quota pari a 20 milioni di euro.

Le altre attività potranno ottenere un fondo a contributo perduto da 12mila euro. Si tratta di un aiuto importante per in questo momento di ripartenza, con la speranza di non dover chiudere ancora una volta.

Giorgetti: “Un provvedimento doveroso”

Il provvedimento è stato commentato dal ministro Giancarlo Giorgetti. “Si tratta di una misura doverosa – ha detto il titolare del Mise – promessa alle categorie che sono state costrette a restare chiuse per legge. Giusto che discoteche, palestre e altre realtà in condizioni simili abbiano uno strumento speciale avendo pagato un prezzo più alto a causa dei cambiamenti imposti dalle regole restrittive contro il Covid“.

Questa necessità e urgenza – ha aggiunto – era venuta fuori in materia determinante. Iniziamo con questo fondo da 140 milioni che può essere rifinanziato se sarà necessario“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Giancarlo Giorgetti
Giancarlo Giorgetti

L’obiettivo è quello di non chiudere

Il ministro Giorgetti non ha escluso la possibilità di rifinanziare questi fondi, ma l’obiettivo del Governo resta quello di non chiudere più in autunno. Per questo motivo il premier Draghi è al lavoro con l’esecutivo per trovare l’accordo su un uso più amplio del Green Pass.

Il confronto dovrebbe iniziare già nei prossimi giorni. L’accordo dovrebbe arrivare in tempi brevi per consentire agli italiani di ritornare al lavoro in sicurezza.


Lo smart working per la pubblica amministrazione sta per finire: cosa cambia

Mps, il 24 settembre lo sciopero dei lavoratori del gruppo