Ford GT40: sognando Le Mans

La Ford GT40 tornerà a correre nella Ventiquattro Ore che la rese celebre. L’appuntamento è per l’edizione 2016. Ovviamente non è la vettura di allora, ma una modernissima Hypercar.

La Ford GT40 torna a correre alla 24 Ore di Le Mans, uno dei più prestigiosi appuntamenti del motorsport mondiale. La Casa dell’Ovale Blu ha rotto gli indugi. A cinquant’anni dallo strepitoso successo delle sue vetture sport vuole ritentare il gran colpaccio con una straordinaria Hypercar che sfoggia la sigla GT40 come le sue gloriose capostipiti. Allo scopo è stato creato un apposito programma corse per competere sia nel Campionato del Mondo Endurance FIA che nel Campionato TUDOR United SportsCar.

La Ford GT40 è un vero e proprio concentrato di innovazioni. Si avvale di materiali ultraleggeri come il carbonio. Il motore EcoBoost V6 3.5 è il più potente EcoBoost di produzione di sempre. È la declinazione più estrema della Ford Performance, una divisione creata per produrre innovazione attraverso le prestazioni. Tecnologie e soluzioni di ingegneria adottate sui prototipi da corsa potranno infatti essere successivamente implementate sulle vetture stradali. Sono previsti 12 nuovi modelli globali ad alte prestazioni entro il 2020. La gamma, che comprende già la Mustang, la Focus ST e la Fiesta ST, includerà anche la Ford GT, la Focus RS, le Mustang Shelby GT350 e GT350R e l’F-150 Raptor.

«Quando le GT40 scesero in pista a Le Mans negli anni Sessanta, Henry Ford II intendeva dimostrare che Ford era in grado di battere nelle competizioni endurance i costruttori più prestigiosi». Così Bill Ford, Executive Chairman di Ford Motor Company e ha aggiunto: «Ricordiamo con orgoglio le nostre 4 vittorie consecutive, e quello spirito innovativo che accompagnò lo sviluppo della prima Ford GT continua a guidarci ancora oggi».

La versione da competizione della Ford GT parteciperà a tutti gli appuntamenti 2016 del Campionato del Mondo Endurance FIA e del Campionato TUDOR United SportsCar. Debutterà in pista il prossimo gennaio alla Rolex 24 di Daytona, in Florida. Il programma, che coinvolgerà 2 team, ognuno dei quali correrà con 2 vetture, sarà portato avanti da Chip Ganassi Racing – Felix Sabates (CGRFS). Un team gareggerà nel Campionato del Mondo Endurance FIA, l’altro nel Campionato Tudor United SportsCar. Entrambi i team correranno a Le Mans, dove scenderanno in pista tutte e 4 le Ford GT. I piloti saranno annunciati prossimamente.

Per l’operazione, Ford ha stabilito partnership anche con Multimatic Motorsports, Roush Yates Engines, Forza Motorsport, Sparco e Brembo. L’auto è stata sottoposta a un’approfondita serie di test e di sessioni aggiuntive di progettazione in collaborazione con Multimatic e Ganassi, mentre CGRFS ha supportato lo sviluppo dell’EcoBoost 3.5. Quest’ultimo ha debuttato nel 2014 nel Campionato Tudor United SportsCar su vetture dei team CGRFS ed è salito più volte sul gradino più alto del podio in gare come la 12 Ore di Sebring e la Rolex 24 di Daytona. Il team Ganassi ha ottenuto significative vittorie nella Daytona 500, nella Brickyard 400 e nella Indianapolis 500.

«Abbiamo vinto gare e campionati, ma Le Mans per noi sarà una novità – ha dichiarato Chip Ganassi – Trovarsi di fronte all’opportunità di scendere in pista con la nuova Ford GT, nello scenario più emozionante al mondo, celebrando il 50esimo anniversario di una delle più straordinarie vittorie nella storia del motorsport: quale team non desidererebbe far parte di tutto ciò? Sarà una sfida? Assolutamente sì. Ma per affrontarla non c’è partner migliore di Ford».

Alla Porsche poche settimane fa il colpaccio è riuscito, vedremo se l’anno prossimo Ford saprà fare altrettanto.

Leggi la storia della Ford GT40

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella galleria fotografica

ultimo aggiornamento: 26-06-2015

X