La Formula 1, 2 e 3 ricordano Anthoine Hubert, tragicamente morto sulla pista belga di Spa a soli ventidue anni. La F2 ritira il numero 19.

Formula 1 e Formula 2 ricordano Anthoine Hubert in occasione del GP del Belgio, la pista sulla quale nel 2019 ha drammaticamente perso la vita quello che molti era considerato come uno dei maggiori talenti della nuova generazione di piloti.

Formula 1, 2 e 3 tornano in Belgio dopo la morte di Hubert

Hubert ha perso la vita ad appena ventidue anni in un tragico incidente durante Feature Race del GP del Belgio. Un episodio che ha scosso il mondo dei motori, inclusa ovviamente la Formula 1, dove molti giovani piloti erano cresciuti e si erano formati proprio con Anthoine. Erano molti vicini a Hubert, legati da un rapporto di amicizia, soprattutto Charles Leclerc e Gasly.

Le immagini dell’incidente sono ancora negli occhi e nella memoria di tutti. La monoposto di Hubert carambola al centro della pista e viene travolta da quella di Correa, che arrivava a trecento chilometri orari circa. L’impatto è stato violentissimo e per il ventiduenne non c’è stato nulla da fare. Tutti abbiamo ancora nelle orecchie il silenzio assordante di quei minuti. I piloti avevano capito la gravità dell’incidente, nessuno aveva il coraggio di proferir parole, di fare una domanda.

Le iniziative per Hubert

In occasione del GP del Belgio del 2020, la Formula 2 ha deciso di annunciare il ritiro del numero 19, quello con il quale correva Hubert. Inoltre su tutte le monoposto che scenderanno in pista, dalla Formula 3 alla Formula 1, saranno disegnate le iniziali del pilota. Sarà inoltre presente un logo, una stella disegnata appositamente per ricordarlo. Inoltre sarà osservato un minuto di silenzio per ricordare il giovane astro nascente del mondo dei motori, strappato via dal suo sogno.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Anthoine Hubert evidenza Formula 1 motori News

ultimo aggiornamento: 28-08-2020


Il pronostico di Marquez: “Duello Quartararo-Dovizioso per il titolo”

Alettone auto: cos’è, a cosa serve e come funziona