Dal 2021 addio alla conferenza stampa del giovedì. La Formula 1 è pronta a compattare i weekend con diverse novità in arrivo.

ROMA – Addio alla conferenza stampa del giovedì in Formula 1. Uno dei tradizionali appuntamenti del circus sembra essere destinato a lasciare spazio ad un nuovo format che vede un weekend più compatto visto l’aumento dei Gran Premi.

Le attività media saranno trasferite al venerdì mattina con le due sessioni di prove libere al pomeriggio. Non sembrano esserci particolari novità, invece, per sabato e domenica con qualifiche e gara anche se come sempre bisognerà aspettare la fine della discussione per averne la certezza.

Addio alla conferenza stampa del giovedì

L’addio alla conferenza stampa del giovedì sembra essere stata apprezzata da tutti i team. Una scelta fatta per garantire nell’arco della stagione 20 giorni in più di riposo, fondamentali in un format che prevede ben 25 Gran Premi.

La discussione è ancora in corso ma l’idea piace molto alle squadre. La mattina del venerdì, oltre all’appuntamento con i media, potrebbe dare spazio anche alla Formula 2 e Formula 3. Due gare di ‘contorno’ per quanto riguarda la televisione anche se molto importante pensando ai piloti che possono mettersi in evidenza davanti ai talent scout delle scuderie più importanti.

Logo Formula 1 2020
fonte foto https://twitter.com/F1Media

Il confronto tra Liberty Media e i team continua

Le novità in arrivo sono diverse e il confronto tra Liberty Media e i team continua. La maggior parte degli accordi sono stati trovati ma, in futuro, non possiamo escludere cambiamenti per quanto riguarda la Formula 1 a partire dal 2021.

Un format completamente nuovo con 25 Gran Premi e un weekend compattato. Senza dimenticare l’obbligo di dare vita a delle monoposto con fondi limitati. Proprio per questo motivo si parla di ‘anno zero’ della Formula 1 con il circus che è pronto a stupire tutti e riportare il pubblico alle gare.


Dal divieto di fumo all’innalzamento dei limiti di velocità in Autostrada: le novità del Codice della strada

L’Ad di Aprilia Racing, “Troppi pregiudizi su Iannone”