Secondo successo stagionale per Daniel Ricciardo. Il pilota australiano ha dominato sul circuito di Montecarlo. Alle sue spalle Sebastian Vettel e Lewis Hamilton.

MONTECARLO – A Montecarlo è andato in scena il weekend perfetto di Daniel Ricciardo. Il pilota australiano ha conquistato la sua seconda vittoria stagione sul circuito monegasco, precedendo sul traguardo Sebastian Vettel e Lewis Hamilton.

Top ten – Quarto posto per Kimi Räikkönen che nel finale è riuscito a difendersi dall’attacco di Valtteri Bottas che si è dovuto accontentare della quinta posizione. Pierre Gasly, Nico Hulkenberg, Max Verstappen e Carlos Sainz hanno completato la top ten.

La gara – Rispetto agli anni precedenti, la gara di Montecarlo ha regalato davvero poco spettacolo. In partenza Vettel ha cercato di prendersi la prima posizione ma Ricciardo si è difeso molto bene, conservando la testa della corsa dall’inizio fino alla fine. L’unico rischio per il pilota australiano è arrivato intorno al 30° giro quando ha avuto un problema con la power unit, risolto poco dopo.

Anche alle spalle dell’australiano i piloti non si sono dati battaglia con le prime sei posizioni che sono rimaste invariate fino al traguardo.

Da segnalare l’ottimo recupero di Max Verstappen, partito ultimo. L’olandese ha completato la sua rimonta chiudendo in nona posizione.

Di seguito il video con gli highlights della gara

Formula 1, le classifiche

Con il terzo posto odierno, Lewis Hamilton sale a quota 110. Il pilota inglese ha un vantaggio di 14 punti su Sebastian Vettel (96) mentre in terza posizione è salito Daniel Ricciardo (72).

In classifica costruttori la Mercedes si porta a 178 mentre la Ferrari si avvicina salendo a quota 156. Si conferma al terzo posto la Red Bull con 107 punti.

Di seguito il video dedicato alla Red Bull

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Daniel Ricciardo Formula 1 gp montecarlo 2018 motori

ultimo aggiornamento: 27-05-2018


Superbike, doppietta van den Mark a Donington. Ducati in difficoltà

FCA, maxi richiamo negli USA: coinvolti quasi 5 milioni di vetture