Formula 1, un GP di Gran Bretagna ricco di sorprese e polemiche. E lo scontro Hamilton-Verstappen rischia di ‘accendere’ la seconda parte della stagione.

SILVERSTONE (GRAN BRETAGNA) – E’ stato un GP di Gran Bretagna ricco di sorprese e polemiche. Ad accendere la domenica di Formula 1 è stato lo scontro tra Hamilton e Verstappen dopo la prima curva. L’olandese non ha accettato il comportamento del britannico e, al termine della gara, ha espresso il suo disappunto per la decisione dei giudici (10 secondi di penalità) e per la vittoria del rivale per il titolo.

Un incidente che rischia di accendere la seconda parte di stagione e non si esclude in Ungheria un nuovo duello tra i due. E questa volta, rispetto a quanto successo in passato, Max potrebbe non alzare il piede. Le scintille tra i due non sono finite qui.

La Ferrari ritorna sul podio

Un weekend inglese che ha permesso alla Ferrari e Charles Leclerc di ritornare sul podio. La vittoria è sfuggita solamente negli ultimi chilometri, ma la Rossa ha dimostrato di trovarsi al proprio agio con il nuovo sistema e si è trattato di un ottimo test anche in ottica Monza.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Charles Leclerc
Charles Leclerc

In Ungheria la scuderia di Maranello sarà sicuramente protagonista almeno in gara. Resta da risolvere la questione qualifiche e i prossimi giorni saranno fondamentali per individuare il giusto assetto.

Alonso ancora a punti, fuori Vettel

Tra gli altri da segnalare l’ottimo settimo posto di Alonso alle spalle di Bottas, Norris, Ricciardo e Sainz ma davanti a Stroll, il compagno di squadra Ocon e Tsunoda. Niente punti, invece, per George Russell che paga una partenza non eccezionale.

Gara, invece, sotto le attese per Sebastian Vettel. Il tedesco non è riuscito a concludere la sua prova per un problema tecnico. Da registrare, inoltre, la vittoria nella sfida interna di Mazepin su Schumacher. Solo sedicesimo Perez dopo l’incidente nella Sprint Race.


Toyota ma non solo: ecco perché gli sponsor ‘hanno paura’ delle Olimpiadi

Insulti razzisti a Lewis Hamilton, la condanna della Formula 1