Formula 1, l’analisi del Gran Premio del Portogallo. Prova di forza di Hamilton. Piccolo passo indietro per la Ferrari.

PORTIMAO (PORTOGALLO) – E’ stato un Gran Premio del Portogallo che ha confermato il duello tra Hamilton e Verstappen ma, a differenza delle due gare precedenti, il britannico con una prova di forza importante è riuscito a conquistare la vittoria.

La terza posizione subito dopo il via ha ‘svegliato’ il campione del mondo che, giro dopo giro, ha prima superato Verstappen e poi il compagno di squadra Bottas. Una prestazione che lo rende ancora di più il favorito di questa stagione.

Norris la conferma, piccolo passo indietro della Ferrari

Una delle conferme di questa stagione è sicuramente Lando Norris. Il pilota della McLaren anche in Portogallo è riuscito a piazzarsi subito dietro i ‘big’ diventando il grande favorito per la quarta o quinta posizione del Mondiale piloti.

Piccolo passo indietro, invece, per la Ferrari. Un errore di strategia non ha permesso a Sainz di andare a punti (la prima volta in stagione per la Rossa), mentre Leclerc ha concluso in sesta posizione. Un piazzamento che sembra essere condizionato da una qualifica non all’altezza.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Gli altri

Primi segnali di ripresa per la Alpine. Dopo le buone indicazioni arrivate da prove libere e qualifiche, sia Alonso che Ocon sono riusciti a chiudere nelle prime dieci posizioni con il francese (settimo) davanti allo spagnolo (ottavo). Punti anche per Gasly (decimo) e Ricciardo (nono), quest’ultimo autore di una buona gara dopo un sabato disastroso.

Continuano, invece, le difficoltà in gara della Aston Martin e di George Russell. Da segnalare un buon diciassettesimo posto per Schumi jr. Mick sta sempre più prendendo confidenza con la Haas e il sorpasso a Latifi può dare maggiore fiducia per il resto del campionato. E le prestazioni continuano ad essere attenzionate dalla Ferrari.


GP del Portogallo, Binotto: “Usciamo delusi”

MotoGP, a Jerez la possibile svolta per la Ducati. Quartararo frenato da un problema fisico