Charles Leclerc sul Mondiale 2021: “Ho lavorato molto in questa prima parte dell’anno. Sono pronto per iniziare la stagione”.

ROMA – Un Mondiale 2021 che per Charles Leclerc potrebbe significare il definitivo salto di qualità. “Penso di non essere mai stato in Ferrari come in quest’anno – ha ammesso il monegasco, riportato dal Corriere dello Sport abbiamo condotto anche un po’ di test con la vecchia monoposto e quindi mi sento prontissimo“.

“Devo migliorare sulla gestione delle gomme”

Il pilota è monegasco è consapevole di dover continuare il suo percorso di crescita: “Penso che sulla gestione delle gomme devo continuare a crescere. Lo scorso anno ho fatto dei grandi progressi e spero di continuare anche nel 2021 a migliorare“.

Mesi per capire quali sono le cose da correggere: “Fondamentalmente in questo periodo ho guardato le gare passare per capire cosa avremmo potuto fare meglio come squadra, ma anche come pilota e provare a migliorare. E sicuramente sulla gestione delle gomme c’è sicuramente un lavoro da fare“.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Testa al Bahrain

La testa di Leclerc è sicuramente rivolta al Bahrain. Una prima gara molto complicata. La pandemia, infatti, non consentirà ai piloti di poter provare molto (solo tre giorni di test invernali) e per questo in pista si scenderà con molte incognite.

Le sensazioni a Maranello sono sicuramente positive. Si continua a lavorare per consentire ai due piloti di avere a disposizione una monoposto molto più competitiva rispetto a quella della scorsa stagione. L’obiettivo resta quello di poter lottare almeno per il podio in ogni gara e poi sfruttare ogni minima occasione per la vittoria. Leclerc e Sainz sono pronti a dare il massimo in questa stagione anche se la testa è rivolta anche al 2022, anno zero della Formula 1. Un Mondiale destinato a segnare la fine del dominio della Mercedes e, molto probabilmente, una lotta per il titolo iridato molto equilibrata.


MotoGP, Marc Marquez inserito nella entry list provvisoria del GP del Qatar

Noleggiare monopattino elettrico: come fare, a lungo termine e con le app