Formula 1, i risultati della seconda giornata dei test di Barcellona: sorpresa Raikkonen. Perez e Ricciardo dietro il finlandese.

BARCELLONA (SPAGNA) – I risultati della seconda giornata dei test di Barcellona hanno confermato la volontà delle squadre di non scoprire le carte. Il miglior crono assoluto è stato realizzato da Kimi Raikkonen che ha preceduto Sergio Perez (l’unico a confermarsi in questi due giorni) e Daniel Ricciardo. Da segnalare anche il quarto tempo di Alexander Albon che ha fatto il suo esordio con la Red Bull.

La Ferrari si nasconde

A differenza della scorsa stagione la Ferrari si sta ‘nascondendo’. La prima uscita di Vettel, che sarà il solo protagonista con la Rossa nell’ultimo giorno di test, si è conclusa con un sesto tempo a poco più di 1″ dal leader. Tutto secondo i piani di Maranello visto che in questo momento il lavoro si sta concentrando più sull’affidabilità della vettura.

In pista anche Charles Leclerc che questa volta si è fermata in ottava posizione. Tra di loro la sorpresa Russell. Da segnalare la presenta nei box del fratellino del monegasco, Arthur, che spera di seguire le orme del più grande e, perché no, formare una coppia proprio in Ferrari.

Mercedes sempre protagonista

La Mercedes è sempre protagonista. Una giornata di studio per Hamilton e Bottas che hanno concluso rispettivamente in nona e tredicesima posizione. Ma la scuderia anglo-tedesca è stata al centro della polemica per il Dual Axis Steering, un volante mobile che consente un sistema dell’angolo di sterzo delle ruote anteriori a monoposto in movimento.

Fino a questo momento nessun intervento da parte della Fia anche se in futuro non possiamo escludere un comunicato ufficiale sulla regolarità di questo sistema. La Mercedes, però, non si ferma e continua a lavorare sull’innovazione che potrebbe creare non pochi problemi agli altri team.

fonte foto copertina https://twitter.com/AlfaRomeoF1Fan

ultimo aggiornamento: 21-02-2020


MotoGP, addio alla gara notturna in Qatar

Differenze olio 5w30 e 5w40: come scegliere quello giusto