Formula 1, i risultati del terzo giorno dei test di Barcellona. Mercedes davanti a tutti, problemi di motore per la Ferrari.

BARCELLONA (SPAGNA) – Formula 1, i risultati del terzo giorno di test a Barcellona. Dopo una seconda tornata senza particolari squilli, la Mercedes è ritornata davanti a tutti lanciando un segnale importante alle altre squadre. Il miglior crono è stato di Valtteri Bottas che ha girato sette decimi meglio del suo compagno di squadra Lewis Hamilton.

Molto più indietro gli altri con Esteban Ocon in terza posizione ad oltre un secondo di ritardo rispetto al leader. Lance Stroll e Daniil Kvyat completano la top ten. Sesto Antonio Giovinazzi.

Red Bull fatica, partenza in salita per la Ferrari

La Red Bull o si sta nascondendo oppure sta faticando. L’ottavo tempo di Max Verstappen e il decimo di Alexander Albon (nel mezzo Pierre Gasly n.d.r.) non destando delle buone impressioni in vista dell’esordio previsto in Australia fra poco meno di un mese.

Inizio in salita anche per la Ferrari. La Scuderia di Maranello non ha convinto con Sebastian Vettel che ha registrato un problema di motore nella mattinata della terza giornata. Un pomeriggio intenso con 100 giri completati e il 13esimo tempo assoluto. Il lavoro da fare è diverso visto che presentarsi in queste condizioni a Melbourne rischia di essere fatale.

Sebastian Vettel
fonte foto https://twitter.com/ScuderiaFerrari

Risultati dei test da prendere ‘con le molle’

I risultati dei test di Formula 1, come sempre, vanno presi ‘con le molle’. L’inizio in salita della Rossa preoccupa ma se si pensa allo scorso anno c’è maggiore fiducia. La Ferrari nel 2019 era riuscita a stare sempre davanti a tutti anche se poi nella parte decisiva i risultati sono mancati.

Per questo si lavora per ottenere una buona prestazione in Australia. La stagione di Formula 1 è molto lunga e può succedere di tutto. A Maranello si lavora per dare una grande soddisfazione ai tifosi.

fonte foto copertina https://twitter.com/MercedesAMGF1


Niki Lauda, il campione austriaco di Formula 1 avrebbe compiuto 71 anni

Binotto pessimista, “Gli avversari sono più veloci di noi”